17
gennaio


Tags
,

Fir – Da Viadana un atto d’accusa e uno sguardo sul futuro. Riccardo Melegari: “Occorre fare chiarezza”. By Giorgio Sbrocco

 Un comunicato stampa che parte dalla presentazione della sfida Viadana – Petrarca che sabato allo Zaffanella metterà in palio un posto in finale del Trofeo Eccellenza 2013 e poi entra nella sostanza di molti dei problemi che attualmente pesano sulla gestione del rugby italiano di alto livello. E sullo sfondo la vicenda che in questi giorni oppone il Rugby Viadana alla Fir davanti all’Alta corte del Coni. Materia del contendere: perché a Viadana è stata negata la possibilità di costituire una franchigia di Pro12 succedendo ai disciolti Aironi? E ancora: cosa ne sarà del rugby italiano di club? Lo stile non è esattamente discorsivo. Il tono dice di quanto certi temi siano considerati importanti. Parole e riflessioni di Riccardo Melegari: “La ripartenza del Rugby Viadana, dopo i disastri post Celtic League imposti dalle scelte Federali, si è basata su tre certezze fondamentali che, come più volte detto, rappresentavano e rappresentano tutt’ora un patrimonio che sarebbe un delitto disperdere. Probabilmente queste tre voci, che possiamo tranquillamente individuare nelle strutture, nei tecnici e nel settore giovanile, sarebbero state molto utili alla Federazione per dare spessore alla seconda franchigia celtica, ma si è deciso deliberatamente che queste tre “ricchezze” potessero essere superate e sostituite dal potere politico. Siamo molto perplessi e, in tal senso, attendiamo sviluppi su due fronti differenti. Intanto c’è da capire come evolverà la parentesi aperta con il ricorso all’Alta Corte del Coni in secondo luogo va valutato il futuro più prossimo del rugby italiano. Celtic League oppure un campionato d’Eccellenza (a 8 o 10 squadre) che non sia a due velocità e che possa avere un appeal maggiore su appassionati, pubblico ed investitori, insomma una vera e propria rivoluzione rispetto a quello attuale. Purtroppo per poter tracciare oggi quello che sarà il domani c’è l’assoluta necessità di fare chiarezza su questi punti. D’altro canto non intendiamo essere colti di sorpresa e dunque abbiamo strutturato il club consolidando la vision viadanese che si propone di limare sempre di più i limiti per cercare di ampliare gli obiettivi. Abbiamo programmato un triennio focalizzato sulla valorizzazione di quei giovani che mostrano potenzialità importanti, solo così il ragazzo inizia ad assumere interesse finalizzato alla costruzione dell’atleta. Non vorrei creare dei falsi miti con queste parole. Intendo dire che a Viadana il posto per giocare a rugby c'è e ci sarà sempre per tutti, ma solo laddove le qualità sono ritenute importanti e migliorabili attraverso il lavoro di tecnici preparati, allora si interverrà anche con investimenti importanti. Buttare alla ribalta dei giovani tanto per fare e senza programmazione è un’ipocrisia deleteria per tutti. Tecnici preparati, anche stranieri - ci tengo a ribadirlo - sono un punto fondamentale per poter crescere i nostri ragazzi e perché no i tecnici italiani del futuro. La stagione sportiva? Per quel che riguarda la prima parte è ovvio che siamo soddisfatti perché il roster è stato assemblato in poco tempo e con un club che nasceva dalle ceneri di una “disgrazia” sportiva, quindi non con premesse ideali. Abbiamo stretto il cerchio delle persone che potevano essere funzionali al progetto e che avessero degli stimoli particolari per farne parte. Probabilmente stiamo viaggiando su livelli che non pensavamo di raggiungere ad inizio stagione, ma questo non deve illuderci perché “raggiungere” è difficile, ma “mantenere” è ancora più complesso. Inizialmente il nostro obiettivo era una salvezza anticipata, oggi non possiamo più nasconderci, vogliamo riconquistare l’Europa, vogliamo tornare a respirare quelle atmosfere da cui è tanto difficile allontanarsi. Concludo però dicendo che se alla base non c’è solidità e dunque un settore giovanile in cui gli investimenti vadano, oltre che nella direzione degli atleti, anche e soprattutto in quella dei tecnici, allora sarà difficile creare qualcosa di duraturo”.Giorgio Sbrocco

16
gennaio


Sei Nazioni - Domani conferenza stampa istituzionale a Roma

Domani alle ore 12.00, presso la Sala della Protomoteca del Palazzo del Campidoglio in Roma, è in programma la conferenza stampa di presentazione istituzionale dell’RBS 6 Nazioni 2013. Intervengono il Presidente della Fir Alfredo Gavazzi, il Sindaco di Roma On. Gianni Alemanno, l'Amministratore Delegato di CONI Servizi Raffaele Pagnozzi.

08
gennaio


La campagna Fir per il Sei Nazioni 2013: fra “immaginario sportivo nazionale e capitolino” e Lo Cicero sui manifesti. By Giorgio Sbrocco

“Il Sei Nazioni. All’Olimpico” è il claim scelto da Fir per la campagna di comunicazione e promozione dell'edizione 2013 del torneo ovale più antico del mondo. “Un messaggio sintetico e incisivo – lo definisce il comunicato dell'ufficio stampa federale - che evidenzia sia l’importanza di un Torneo ormai entrato saldamente a far parte dell’immaginario sportivo nazionale e capitolino, sia la conferma di una sede prestigiosa come quella dello Stadio Olimpico, divenuto nel 2012 la nuova casa dell’Italrugby e capace, con le proprie infrastrutture e con lo straordinario contesto del Parco del Foro Italico, di rappresentare un significativo valore aggiunto per il Torneo”.  L’immagine di campagna – sviluppata ancora una volta da Irida Produzioni  – ritrae uno degli atleti tra i più amati dal grande pubblico, il pilone Andrea Lo Cicero che avanza palla in mano sostenuto dai compagni sullo sfondo: un’immagine dinamica, che sottolinea la volontà dell’Italia di continuare a progredire ed a regalare emozioni al pubblico dell’Olimpico e che rappresenta al tempo stesso un tributo al secondo atleta più presente nella storia della Nazionale. La campagna istituzionale del Sei Nazioni sarà presente, da domani, su tutti i supporti di comunicazione prodotti da Fir per promuovere il Torneo.Giorgio Sbrocco

04
gennaio


Tags

Fir – Diamo un sorriso a mille bambini. Chiamate 377.51.04.500

Diciannovesima edizione, sabato 5 gennaio, per l’iniziativa benefica “Diamo un sorriso a mille bambini” promossa dall’emittente radiofonica della Capitale “Radio Radio” (www.radioradio.it) diretta dal popolare conduttore Ilario Di Giovambattista e volta a garantire supporto all’associazione “Viva la Vita”: un’iniziativa che, sull’onda lunga della collaborazione tra FIR e Radio Radio avviata con il 6 Nazioni 2012, vedrà quest’anno il coinvolgimento della FIR stessa, tradizionalmente attenta alle tematiche sociali.Sabato 5 febbraio, in occasione dell’asta benefica che dalla mattina andrà in onda sulle frequenze di Radio Radio (FM104.5 e sul canale 518 della piattaforma Sky e streaming web sul sito ufficiale dell’emittente), FIR parteciperà all’iniziativa mettendo in palio – al fianco con le maglie dei principali club della Serie A di calcio - una maglia ufficiale della Nazionale: sarà possibile partecipare all’asta via sms (377.51.04.500) non con un contributo economico diretto ma con l’acquisto di una serie di pacchi regalo contenenti giocattoli da destinare ai bambini assistiti dall’associazione “Viva la vita”.Maggiori dettagli sull'asta sono disponibili su www.radioradio.it  

03
gennaio


Tags
,

Fir – Gianni Amore chiede l’annullamento dell’elezione di Gavazzi e una nuova assemblea elettiva. By Giorgio Sbrocco

La botta, in punto di diritto, è di quelle che promettono/minacciano di lasciare il segno. In due parole: lo scorso 17 dicembre il candidato alla presidenza della Fir Gianni Amore, ha inviato alla Giunta del Coni un documentato esposto/denuncia circa irregolarità formali (di fatto: sostanziali) commesse nel corso dell’assemblea elettiva che ha portato il bresciano Alfredo Gavazzi a succedere a Giancarlo Dondi alla guida delle Fir. Due gli articoli statuto Fir che secondo Amore risultano violati (il 18 e il 50): entrambi riconducibili ai bilanci programmatici che né Gavazzi né Zatta (l’altro candidato sconfitto) hanno inserito nella documentazione a sostegno delle rispettive candidature.  Candidature che, sostiene Amore, sono state ritenute regolari e complete dal segretario generale Signorini in spregio delle norme vigenti. La faccenda, tecnicismi a parte, pare seria. Mercoledì è prevista la riunione delle giunta del Coni. Se l’esposto venisse ammesso alla discussione, e perciò non considerato formalmente infondato e irricevibile, per il futuro della gestione federale (38 milioni il bilancio!) si annuncerebbe davvero pieno di problemi.  A cominciare dalla nullità del bilancio prevenivo che il consiglio Fir ha recentemente approvato, con tanto di capitoli di spesa e di piano particolareggiato delle destinazioni delle risorse. Per la serenità (presente e futura) dell’ambiente e per carità di patria è giusto sperare che la cosa non abbia seguito. Che Gavazzi e il suo consiglio vengano “lasciati lavorare” e che chi di dovere trovi qualche (fondato)  motivo di irricevibilità nell’esporto del candidato siciliano. Di tutto può avere bisogno il rugby italiano oggi, tranne che di un commissario ad acta alla guida della Fir e di una nuova campagna elettorale. Giorgio Sbrocco

26
dicembre


FIR – Il candidato Marzio Innocenti (Veneto) chiarisce i futuri rapporti con il presidente Gavazzi: “Un dovere parlare con lui”. By Giorgio Sbrocco

Sostanziale e salutare passo indietro in forma di chiarimento da parte di Marzio Innocenti, candidato alla presidenza del Comitato Regionale del Veneto alle elezioni del prossimo 26 gennaio. Intervistato da Ivan Malfatto su Il Gazzettino, il medico di origini livornesi, capitano dell’Italia alla World cup 1987, bandiera del Petrarca di Vittorio Munari e poi allenatore, ha chiarito il senso della sua affermazione secondo la quale “Gavazzi (neo presidente Fir, ndr) non sarà mai il mio presidente”, scritta a ridosso del risultato della assemblea generale di Roma da cui era uscito il nome del dirigente bresciano come successore di Giancarlo Dondi alla guida delle federazione. “Se verrò eletto presidente del Crv (Comitato regionale veneto, nda) è pacifico che parlerò con il presidente della Fir – ha dichiarato Innocenti a Il Gazzettino - perché so cosa comporterebbero i miei doveri istituzionali. È lontano dalle mie idee e da quelle delle società che rappresento fare guerra alla federazione. Sarebbe non costruttivo e stupido, perché il comitato ne è un suo organismo”. Galateo istituzionale e regole della democrazia rispettate. Voto: 10Giorgio Sbrocco

17
dicembre


Tags

Fir – Stasera si conoscerà il nome del candidato anti Bortolato per la presidenza del Comitato Veneto. By Giorgio Sbrocco

Stasera a San Donà (Venezia) riunione delle società del Veneto che si riconoscono nel gruppo che sostenne Amerino Zatta nella corsa alla successione di Giancarlo Dondi che venne poi vinta dal bresciano Alfredo Gavazzi.  All'odg c'è la (delicata) questione legata al nome del candidato alla presidenza del Comitato regionale che dovrà scendere ufficialmente in campo contro l'uscente Roberto Bortolato. A scaldare gli animi e a rendere vagamente incandescente il clima pre elettorale (si voterà a fine gennaio) e la campagna che dovrebbe aprirsi a partire da domani, le parole attribuite proprio ad Alfredo Gavazzi che, nel corso di una recente conviviale alle porte di Padova avrebbe invitato “I club veneti a cambiare candidato”. Perché “Dal momento che Innocenti non mi riconosce come presidente (dichiarazioni contenute in una lettera aperta a firma Marzio Innocenti resa pubblica all'indomani della vittoria di Gavazzi all'assemblea generale di Roma, nda) , io non riconosco lui”. Insieme al nome di chi concorrerà per la presidenza si conosceranno anche i nomi dei candidati per i posti di consigliereGiorgio Sbrocco

16
dicembre


Tags
,

Fir – Ultima stagione per il Barone Lo Cicero in prima linea. Se non cambierà idea…By Giorgio Sbrocco

Parlando ai microfoni dell’emittente francese L’Equipe 21 il pilone siciliano della Nazionale italiana Andrea Lo Cicero (in forza al Racing in Top14 dove finora ha giocato solo 5 partite) ha dichiarato che questa sarà la sua ultima  stagione agonistica. Lo Cicero ha l’età giusta (36) per appendere le scarpe al chiodo e nel corso del prossimo Sei Nazioni ha tutte le probabilità di toccare (e superare?) quota 100 caps Azzurri (attualmente sono 98) in test match ufficiali. La fila (escluso Rizzo della Benetton che non ha ancora 30 anni) per sostituire il Barone nel ruolo di pilone sinistro in Nazionale non è, in verità, lunghissima. Speriamo bene!Giorgio Sbrocco

14
dicembre


Tags

Fir – Le sedi del Sei Nazioni under 20. By Giorgio Sbrocco

Definite le sedi delle partite del Sei Nazioni 2013 under 20. L’Italia giocherà a Caltanissetta contro la Francia, a Viterbo con il Galles e con l’Irlanda a Avezzano.Sei Nazioni under 201 febbraio 2013 Italia – Francia a Caltanissetta22 febbraio 2013 Italia – Galles a Viterbo15 marzo 2013 Italia – Irlanda Giorgio Sbrocco

14
dicembre


Tags

Fir – I nomi delle Commissioni miste. By Giorgio Sbrocco

Nel corso della riunione del CF che si è tenuta oggi a Roma sotto la presidenza di Alfredo Gavazzi sono state completate le nomine delle commissioni miste. Ecco le composizioni:- Campionati Nazionali: Presidente Stefano Cantoni; membri FIR Andrea Nicotra, Susanna Vecchi; rappresentanti Società Vezio Fanelli (Rugby Firenze), Sergio Ruzzenente (Valpolicella Rugby), Augusto Priori (Segni Rugby)- Campionati giovanili: Presidente Antonio Luisi; membri FIR Zeno Zanandrea e Giovanni Atzori; rappresentanti Società Daniele Pacini (UR Capitolina), Marcello Panarese (Arezzo Rugby), Guido Feletti (Ruggers Tarvisium)- Promozione, Scuola, Sviluppo: Presidente Antonio Luisi; membri FIR Michele Manzo e Tullio Rosolen;rappresentanti Società Claudio Liberatore (Pomezia Torvajanica Rugby), Gabriele Paganini (Rugby Parabiago), Salvatore Pezzano (Cus Catania)- Allenatori: Presidente Fabrizio Gaetaniello; membri FIR Carlo Orlandi e Tiziano Casagrande; rappresentanti tecnici Massimo Mascioletti, Pasquale Presutti, Tito Cicciò- Rugby femminile: Presidente Susanna Vecchi; membri FIR Zeno Zanandrea e Andrea Nicotra; rappresentanti Società Ivano Lemmi (Rugby Colorno), Roberto Lisotti (Rugby Pesaro), Ezio Loppo (Riviera del Brenta)- Rugby 7s: Presidente Michele Manzo; membri FIR Roberto Besio e Alberto Villa; altri membri: Alfredo Dell’Oste (Rugby Benevento), Renato Tullio Ferrari, Andrea Spadoni (arbitri)Giorgio Sbrocco

Rugby Ball