01
settembre


Aviva Premiership – Northampton e Bath vincono in trasferta. Saracens e Exeter autoritarie in casa. By Giorgio Sbrocco

Due successi in trasferta e due larghe vittorie casalinghe nel pomeriggio inglese di Premiership in attesa del posticipo domenicale del Kassam stadium fra i neo promossi London Welsh e il Leicetser. Nel secondo atto del double londinese a Twickanham i Saracens recentemente sconfitti in amichevole dalla Benetton a Treviso hanno fato un sol boccone dei quotati London Irish, infliggendo agli Exiles isolani un pesante passivo e 37 punti di scarto. Tanto a poco anche al Sandy Park di Exeter fra i Chiefs e gli Squali (sdentati?) di Sale. Anche in questo caso 37 punti di differenza al  termine di 80’ combattuti ma, sostanzialmente, senza storia. Viaggio interessante e lucroso quello di Northampton al Kingsholm di Gloucester  dove la formazione di Ben Foden ha avuto la meglio su Mike Tindall e compagni grazie a un primo tempo giocato in controllo quasi totale delle operazioni. Non pronosticata e di misura la vittoria di Bath al Sixways di Worcester in casa dei Warriors. Un punto, alla fine ha diviso le due squadre, e la vittoria (prestazioone del collettivo, in questo caso, a parte) porta la firma dell’apertura Olly Barkley, capace di mettere fra i pali 8 calci di punizione. Aviva Premiership – I giornata Risultati del sabatoWasps – Harlequins  40-42Exeter – Sale 43 – 6Gloucester – Northampton 19 – 24Worcester – Bath 23 – 24Saracens – L. Irish 40 – 3Giorgio Sbrocco

10
agosto


Aviva Premiership – Exeter domani contro Connacht punta sul centro irlandese Whitten. By Giorgio Sbrocco

Sarà il 25enne neoacquisto irlandese (ex Ulster, 2 caps con l’Irlanda in Usa nel 2009) Ian Whitten l’arma in più di Exeter nella imminente stagione di Premiership?  Così pare pensarla il capo allenatore  Rob Baxter che si è detto “particolarmente soddisfato “ del suo comportamento in questa prima fase della preparazione. “Si è allenato con grande impegno e ha fatto vedere davvero ottime cose sul campo. È veloce,  molto tecnico e disciplinato. Un ottimo elemento” ha dichiarato Baxter. “Con i tempi di recupero del centro neozelandese Jason Shoemark reduce da un’operazione, e con l’assenza (Pumas) di Gonzalo Camacho, per lui potrebbe aprirsi un’interessante opportunità di giocare come titolare anche da ala”. Occhi puntati, in casa Chiefs,  sull’amichevole di domani contro il XV irlandese di Connacht (Pro12, che affronterà la Zebre il 7 settembre nella seconda giornata del torneo celtico) al Sandy Park, la prima dei tre test pre stagione inseriti in calendario. “Che nessuno pensi a una partita soft” ammonisce il tecnico. “Perché noi scenderemo in campo per verificare i nostri miglioramenti in vista dell’apertura della stagione” insiste. E ci tiene a far sapere qual è il messaggio con il quale prende commiato dai suoi giocatori in spogliatoio prima dell’inizio di una partita: “C’è una partita di rugby da giocare là fuori. Uscite e andate a vincerla!”Giorgio Sbrocco  

19
aprile


PREMIERSHIP – IL BIG MATCH CHE VALE I PLAY OFF E’ DOMENICA FRA EXETER E NORTHAMPTON. QUINS – TIGRI PROMETTE SPETTACOLO. NEWCASTLE SOGNA CONTRO I SARACENS UNA SALVEZZA IMPOSSIBILE. By Giorgio Sbrocco

A 160’ dal termine della stagione regolare non sono moltissimi i dubbi circa le quattro elette che accederanno alle semifinali e intorno al nome della retrocessa in seconda divisione. Ma quei pochi (dubbi) sono pesanti e intriganti assai. Tanto da coinvolgere, soprattutto per quanto riguarda la zona play off, un buon numero di formazioni che ancora non possiedono certezze circa la qualità del loro futuro. Con 10 punti teorici ancora da assegnare, i soli Harlequins, in testa con 71 punti,  hanno la matematica dalla loro parte. Dietro, una fra Leicester, Saracens, Exeter e Northampton, resterà fuori dalle semifinali e chiuderà la stagione nel segno degli obiettivi non raggiunti e delle recriminazioni sulle (in alcuni casi) troppe occasioni sprecate. In coda si sta profilando un duello fra Newcastle e Wasps, con Worcester che, conti alla mano, non può ancora dirsi del tutto fuori pericolo. Ragioni, quelle dei quartieri alti e quelle dei bassi fondi della classifica, che fanno di questa edizione della Premiership inglese, un evento da seguire e da gustare fino alla fine. La giornata numero 21 si apre venerdì (20.45) al Kingston Park di Newcastle con la sfida sulla carta impossibile fra i Falcons (12., 27) e i Sarcens (2., 64). Padroni di casa alla ricerca del risultato che nessuno si sente di pronosticare ma che qualcuno (bookmakers in testa) comincia ad accreditare alla formazione ultima in classifica che orgogliosamente rincorre una salvezza che profumerebbe di miracolo. Ma i Saracens non sono nelle condizioni di fare regali ed è quasi scontato che (Newcastle permettendo) punteranno a incassare i punti sicurezza che li manderebbero in semifinale con una giornata di anticipo.  L’altro match su cui aleggia lo spettro della discesa di categoria è fissato per sabato sul verde dell’austero Recreation Ground, dove Bath (8., 40) ospita le pericolanti Vespe londinesi (11., 31) in una partita che metterà di fronte una formazione che nulla ha più da chiedere al campionato in corso, con una che (dissesto economico in atto, guai giudiziari del proprietario ancora in galera e aria di fallimento che aleggia sul glorioso blasone, a parte), invece, si gioca la permanenza nel massimo campionato. Bath in casa ha buone percentuali di successo. I Wasps, ultimamente, giocano davvero male. Di sicuro non c’è altro. Al Kingsholm si gioca Gloucester (7., 43, Hogg in panchina dopo le dimissioni dello scozzese Redpath) contro Sale (6., 45). In palio, fra due delle squadre più deluse e deludenti dell’anno, a parte l’onore e il decoro, un posto in HC. Tutta nel segno della fine dell’incubo retrocessione la sfida al Sixways fra Worcester (10., 36) e London Irish (9., 37). Pareggiassero (ma i biscotti di forma ovale non sono merce corrente da queste parti) avrebbero risolto entrambe i rispettivi problemi. Ma una delle due perderà, più probabile che siano gli Exiles. Harlequins (1., 71) – Leicester (2., 65) al Twickenham Stoop è partita che promette buon rugby  e tante mete. Le Tigri sono, senza dubbio, la formazione più in forma del momento (Mafi fresco di “player of the month”). I Quins sembrano non avere alcuna intenzione di mettere in discussione primo posto e relativo accoppiamento di semifinale. Spettacolo assicurato. Ma il vero (e unico) match clou della giornata è in agenda per domenica al Sandy Park di Exeter fra i Chiefs (4., 58) e i Santi di Northampton (5., 56). Se non è un “vinci o muori” che mette sul tavolo l’ultimo biglietto di ingresso ai play off, poco ci manca. Chi perde non sarà del tutto fuori dai giochi, è vero. Dal momento che gli incroci dei risultati delle altre pretendenti sono numerosi e difficili da prevedere. Però… XXI giornataVenerdì 20:Newcastle – Saracens Sabato 21:Bath – WaspsGloucester – SaleWorcester – London Ir.Harlequins – Leicester Domenica 22:Exeter - Northampton Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Rugby Ball