28
luglio


Italian League Eccellenza – Domani al San Michele si raduna il nuovo Calvisano. By Giorgio Sbrocco

Domani mattina (ore 10 allo stadio San Michele) è in programma il primo raduno del Cammi Calvisano in preparazione alla stagione 2013/2014 che vedrà i gialloneri bresciani competere nel campionato di Eccellenza e in Challenge Cup. Molte le novità nell’organico. La più rilevante riguarda la guida tecnica della squadra che, dopo il passaggio di Andrea Cavinato sulla panchina delle Zebre in Celtic league, è stata affidata a Gianluca Guidi. Il tecnico livornese è alla sua prima esperienza nel rugby di club, dopo anni di lavoro in federazione alla guida di Nazionali minori (u17, u20 e Italia Emergenti). Novità anche in campo: partiti per la franchigia di Parma Vunisa e Palazzani, Erasmus con destinazione San Donà e Marcato in cerca di collocazione, sono arrivati molti giovani interessanti, fra cui spiccano il mediano di mischia Violi che si candida a un posto da titolare della maglia numero 9 all’ombra del maestro Paul Griffen e la terza centro Mata Maxime Mbandà che molto bene si è comportato al recente Mondialino under 20 in Cile.Giorgio Sbrocco

27
luglio


Italian League Eccellenza – Le dimissioni dei Melegari. Viadana diventerà una public company? By Giorgio Sbrocco

Il comunicato (oggi ore 14.13) usa toni morbidi  e molto professionali. La sostanza è però dirompente:  Silvano Melegari si è dimesso dalla carica di ‘presidente del Viadana, che occupava da 23 anni, per “gli impegni di lavoro sempre più pressanti e per i  dissidi mai risolti con la Fir”. E con lui ha abbandonato il club anche il fratello Riccardo che aveva ricoperto il ruolo di addetto alle pubbliche relazioni e ai rapporti con le istituzioni. Antonio Zanichelli, ex ds della formazione giallonera, è stato nominato Amministratore unico. Silenzio sul nome del successore. Il futuro, ancora con i marchi della famiglia Melegari (Arix, Tonkita, Abrax ed SGR ) al fianco pare sia in una public company. “Un’ associazione non riconosciuta avente come scopo principale l’ampliamento e il coinvolgimento nella vita della società, degli appassionati e del territorio in genere”. In pratica un gruppo di (facoltosi) amici del rugby viadanese intenzionati a sostituirsi ai Melegari. Più facile a dirsi che a farsi. Auguri!Giorgio Sbrocco

26
luglio


Italian League Eccellenza – Mogliano con l'Urc e Prato in casa con il Petrarca nella prima giornata. By Giorgio Sbrocco

Mantovani Lazio a riposo, campioni d’Italia di Mogliano impegnati in casa contro la matricola Capitolina Roma e Prato in casa con il Petrarca. Impegni interni anche per Rovigo (Fiamme Oro) e Calvisano (San Donà) nella prima giornata del campionato di Eccellenza che quest’anno sarà disputato nell’inedita versione a 11 squadre. Due pe retrocessioni, prime quattro in semifinale e finale tricolore in partita uniica sul campo della meglio classificata val termine della stagione regolare.I giornata - 22 settembre ore 16Rugby Reggio - Rugby ViadanaVea-FemiCZ Rovigo - Fiamme Oro RomaMarchiol Mogliano - UR CapitolinaEstra I Cavalieri Prato - Petrarca PadovaCammi Calvisano - M-Three San DonàRiposa: Mantovani Lazio Il calendario completo è disponibile su www.federugby.itGiorgio Sbrocco  

26
luglio


Italia – Gianluca Guidi saluta la Fir. Il futuro comincia da Calvisano. By Giorgio Sbrocco

Gianluca Guidi saluta la Federazione Italiana Rugby, nel cui settore tecnico ha lavorato per 12 stagioni guidando Nazionali di categoria e l’Italia Emergenti, alla vigilia della stagione di Eccellenza che vivrà da protagonista sulla panchina del Cammi Calvisano. “Si tratta – ha dichiarato il tecnico livornese – di un’opportunità importante per completare la mia formazione di allenatore, in un club di qualità, con una grande cultura del lavoro. E’ un’avventura che non vedo l’ora di vivere, ma se sono arrivato a questo punto devo ringraziare tutte le persone che, in federazione, mi hanno permesso di maturare sino a questo punto”.Un bilancio del passato: “Sono stati anni importanti e molto belli per me, in cui ho avuto la fortuna di lavorare con tecnici preparati. Da tutte le persone con cui ho collaborato ho appreso qualcosa, ma in questo momento non posso non pensare a Mario Lodigiani (tecnico federale scomparso nel 2008, ndr), persona di straordinaria competenza ed umanità. Mi ha portato in Fir giovanissimo e da lui, toscano come me, ho imparato moltissimo, dentro e fuori dal campo. E moltissimo mi ha dato Franco Ascione, un allenatore dalla preparazione sorprendente, con una comprensione del nostro sport fuori dal comune. A loro sono debitore in modo particolare”. Sul recente esperienza sulla panchina dell’Italia under 20: “Sono stato felice di aver concluso questo periodo della mia vita con il ritorno dell’Italia nell’élite del rugby mondiale giovanile. Il rugby azzurro merita di stare dove siamo riusciti a riportarlo con un gruppo di qualità, che è la migliore testimonianza del lavoro fatto sui giovani dalla Fir. Ringrazio il mio staff, in particolare il team manager Andrea Duodo”.Giorgio Sbrocco

24
luglio


Italian League Eccellenza – A Padova la mental trainer, a Rovigo il neurotraker. By Giorgio Sbrocco

Nell’organigramma del Petrarca Padova c’è Cristina Carraro (psicologa) che ricopre il ruolo di mental trainer e ieri il Cz Rovigo ha presentato ufficialmente il neurotraker del prof Philippe Arnau (univ. Montreal), sorta di innovativa scatola nera a lettura tridimensionale, custodita all’interno di uno speciale casco che, indossato dal giocatore per almeno 6’, fornisce “la neuro-tipologia del soggetto” in base alla quale “si potrà capire se l'atleta ha effettivamente le caratteristiche adatte al suo ruolo e tracciare profili compatibili e affini con i compagni di reparto”. Rugby: questione di testa.Giorgio Sbrocco

24
luglio


Italian League Eccellenza – Due australiani e Jaco Erasmus in riva al Piave. By Giorgio Sbrocco

 Pista australiana per il San Donà di coach Jason Wright che, alla vigilia della sua seconda stagione nel campionato di Eccellenza ha puntato su due giovani molto promettenti provenienti dalla franchigia dei Reds (semifinalisti di Super Rugby) per potenziare la rosa. Si tratta del 21enne utility back  Dion Taumata (Australia u19 e u20) che viene descritto anche come discreto calciatore e Tim Buchanan, capitano dell’University of Queensland, in grado di giocare numero 8 e, all’occorrenza, seconda linea. Nei gironi scorsi il ds dei veneziani Marusso aveva ufficializzato l’ingaggio del 34enne Jaco Erasmus, seconda/terza linea proveniente da Calvisano.Giorgio Sbrocco

24
luglio


Italian League Eccellenza – Enrico Toffano (Petrarca): “Marcato? Sì, se abbassa le pretese!”. By Giorgio Sbrocco

“La rosa è in parte cambiata, abbiamo registrato qualche partenza ma i sostituti saranno all’altezza e abbiamo tutte le intenzioni di continuare sulla strada della valorizzazione del vivaio per raggiungere obiettivi importanti in un campionato che, ne sono certo, riserverà soddisfazioni a noi dirigenti e al pubblico degli appassionati”. Così il presidente del Petrarca Enrico Toffano alla presentazione della squadra 2013/2014 avvenuta ieri al centro Memo Geremia a Padova. Capitolo stranieri: “Il sudafricano Jordaan (ex Natal Sharks, ndr) ha già firmato e sarà in Italia appena avrà completato le obbligazioni burocratiche legate al visto. Con lui, sempre dal Sud Africa, arriverà anche una seconda linea del quale a giorni ufficializzeremo il nome”. Sul possibile ritorno a Padova di Andrea Marcato che ha concluso il suo rapporto con Calvisano e che attualmente è aggregato alla rosa delle Zebre: “Andrea è petrarchino di formazione, questo è il suo club, qui ci sono le sue radici. Se abbassa in maniera considerevole le richieste economiche saremo felici di accoglierlo fra noi. In caso contrario: discorso chiuso. Con i tempi che corrono, di indebitarsi per ingaggiare giocatori: non se ne parla!”. Il Petrarca disputerà un’amichevole a Treviso contro la Benetton il 30 agosto e dovrebbe confermar a giorni la partecipazione al torneo Pedrini di Badia Polesine.Giorgio Sbrocco

23
luglio


Italian League Eccellenza- Prime fatiche per i campioni di Mogliano. By Giorgio Sbrocco

Ripresa degli allenamenti nel segno della dichiarata volontà di ripetere la fantastica stagione 2012/2013 che ha portato, per la prima volta nella storia del rugby italiano, uno scudetto tricolore nella Marca fuori dalle mura di Treviso.  Il nuovo e giovane Mogliano (età media 24, 9 gli arrivi) di Francesco Mazzariol ha cominciato  sudare ieri allo stadio Quaggia agli ordini del preparatore fisico Giorgio Da Lozzo  e sotto gli occhi attenti del presidente Facchini e del resto dello staff. Assenti fino a fine mese: Costa Repetto, Cornwell e Swanepoel. Fissato il calendario delle amichevoli: il 23 agosto in casa con le Zebre, il 311 a San Donà, il 6 settembre in casa con Calvisano e il 13 con Viadana.MARCHIOL MOGLIANO 2013/2014 (in corsivo i nuovi)PILONI: A. Costa Repetto, Andrea Ceccato, Davide Meggetto, Giacomo Stefani, Massimiliano Ravalle, Alessio Ceglie (da Rovigo), Derrik Appiah (Accademia Tirrenia). TALLONATORI: Ornel Gega (Petrarca), Ivan Gianesini. SECONDE LINEE: Enrico Pavanello, Federico Maso, Marco Lazzaroni (Benetton Under 20), Iacopo Bocchi. TERZE LINEE: Edoardo Candiago, Andrea Trotta (Accademia Tirrenia), Matteo Corazzi (Accademia Tirrenia), Meyer Swanepoel, Marco Barbini. MEDIANI DI MISCHIA: Alberto Lucchese, Enrico Endrizzi. MEDIANI DI APERTURA: Matt Cornwell (Leicester Tigers), Edoardo Padovani, Antonio Giabardo. CENTRI: Tommaso Boni, Enrico Bacchin (San Dona), Enrico Ceccato. ALI: Alessandro Onori, Giovanni Benvenuti, Filippo Guarducci, Marco Gazzola. ESTREMI: Ezio Galon, Nicolò FadaltiGiorgio Sbrocco

Italian League Eccellenza – Mirco Bergamasco a Rovigo: “Unica offerta seria”. By Giorgio Sbrocco

“Sono a Rovigo perché l’ambiente è serio. Professionale e familiare allo stesso tempo. L’ ideale per centrare l’ obiettivo di un ritorno in Nazionale”. Così Mirco Bergamasco alla stampa nel giorno del raduno della Cz Rugby Rovigo allo stadio Battaglini. Il trentenne padovano (ex Stade Fancais e  Racing Parigi) ha poi aggiunto che “quella del club del presidente Zambelli  (che ha confermato l’importo dell’ingaggio definendolo “in linea con quelli della rosa”) è stata l’unica offerta seria che mi sia arrivata”. Tradotto: Zebre non interessate ad averlo in squadra. Strano, soprattutto alla luce del fatto che nel corso della stessa conferenza stampa è stata data la notizia della completa guarigione e del completo recupero di Bergamasco dall’infortunio subito a novembre contro l’Australia a Fiorenze. Lo ha detto Yarno Caleghin, fisioterapista dei rossoblu che collabora da anni con la Nazionale. Così stando le cose par di capire che quella di non interessarsi (seriamente) a  Mirco Bergamasco sia stata una scelta dettata da considerazioni di carattere tecnico. Eppure nella linea arretrata delle Zebre (in verità: anche di Treviso) i giocatori di classe ed esperienza superiori a quelle di Mirco…non abbondano. La cosa non è di poco conto. Dal momento che, interpellato sulla questione, lo stesso ct dell’Italia Jaques Brunel ha tenuto a precisare che “per tornare in Nazionale servono partite di alto livello. E il campionato di Eccellenza questo l’vello non ce l’ha”. Basterà qualche partita da permit?Giorgio Sbrocco

22
luglio


Italian League Eccellenza – Spunta un documento contrario ai ripescaggi. Chi l’ha firmato? By Giorgio Sbrocco

Curioso. Il Consiglio federale riunito sabato scorso a Napoli, preso atto della mancata iscrizione dei Crociati Parma, delibera per un campionato di Eccellenza a 11 squadre. Ivan Malfatto dalle colonne de Il Gazzettino, rivela che alla decisione ha contribuito in maniera determinante un documento (esibito in assemblea dal presidente Alfredo Gavazzi) dal quale risulta  l’intenzione delle società del campionato di Eccellenza di procedere a un taglio in caso di mancata iscrizione di una squadra. Società contrarie a ripescaggi, quindi. Ai tempi del documento l’ipotesi era di una doppia defezione (Prato, Crociati). Oggi, sentito dallo stesso giornale, il presidente del Rovigo Francesco Zambelli fa sapere che accetta la disposizione della Fir ma che avrebbe gradito, quantomeno, essere interpellato. E il suo ds Reale rincara la dose paragonando la massima serie a 11 squadre a un “torneo amatoriale”. Nell’attesa di conoscere le opinioni degli altri presidenti, la domanda sorge spontanea: ma il documento prodotto dal presidente Gavazzi, chi l’ha firmato? Curioso che presidente e ds di una delle società interessate non l’abbiano fatto. O non se ne ricordino.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball