20
dicembre


Super Rugby – Torna SBW, parte Toby Flood e Fenner lascia Viadana. By Giorgio Sbrocco

Tre notizie di mercato che delineano tre scenari fra loro simili ma profondamente diversi.  La prima arriva dalla Nuova Zelanda, terra di campioni e inesauribile “fabbrica” di talenti, la cui federazione ha ufficializzato il ritorno al Rugby XV di Sonny Bill Willams (attualmente in Australia) a datare dalla stagione 2015 di Super Rugby. SBW (ri)vestirà la maglia dei Chiefs e resterà a disposizione degli AB fino al 2017. Come dire: faci vincere Mondiale e Olimpiadi e poi fa un po’quel che vuoi. Di giocatori come SBW ne nascono pochi in un secolo. Fare di tutto per tenerlo è un atto in qualche maniera dovuto e sensato. Anche da parte di una Union espressione di un movimento ricco per numero e qualità di praticanti. La seconda è un’indiscrezione raccolta rilanciata da RMC. Si dice che Toby Flood (in scadenza di contratto e poco propenso, pare, a rinnovare con il club inglese) lascerà Leicester l’anno prossimo per andare a Tolosa. Non dovesse essere lui, il n.10 di Tolosa sarà uno a scelta fra Freddie Burns (Gloucester) e Rhys Priestland (Scarlets). La terza arriva da Viadana: Tony Fenner (piede d’oro e estremo di buona qualità del XV di Rowland Phillips) ha firmato un contratto di un mese con l’Edinburgo del sudafricano Alan Solomons in Pro 12. Andrà (è già partito) in Scozia per coprire il buco di organico che si è venuto a creare dopo gli infortuni di Harry Leonard, Piers Francis e Gregor Hunter. Forse prolungherà. E forse Viadana dovrà fare a meno di uno dei suoi uomini più rappresentativi e validi nella volata play off. Capita, quando è una precisa clausola del contratto a prevederlo. Giorgio Sbrocco

13
dicembre


Super Rugby – Non si giocherà Tolone – Chiefs. By Giorgio Sbrocco

Giocata il 2 febbraio, diciamolo, avrebbe avuto poco senso. Almeno da un punto di vista sportivo in senso stretto. Quanto a marketing e immagine, invece, sarebbe stato davvero un bel colpo. Tolone campione d’Europa e i Chiefs neozelandesi (di base a Hamilton) campioni del Super Rugby uno contro l’altra in uno stadio francese stracolmo di gente e con i diritti televisivi venduti a peso d’oro al miglior offerente…Beh: di carne attaccata all’osso ce n’era, e anche parecchia. Ma nulla si muove (per adesso) nel pur sterminato pianeta ovale senza che le federazioni nazionali siano d’accordo. E in questo caso, sia la union neozelandese sia quella francese, tanto entusiasmo non avevano mai dimostrato. La parola fine, per la storia e per la cronaca, l’ha messa comunque la franchigia di Hamilton che ha messo nero su bianco un paio di banali  ma inattaccabili verità. E si è sfilata da un progetto mai veramente decollato.  Questo il testo della nota ufficiale: “I Chiefs hanno lavorato per organizzare un match contro il club francese del Tolone che però non si terrà in questa stagione…Entrambe le parti hanno lavorato con impegno per giocare la partita ma non sono state in grado di ottenere il via libera delle rispettive federazioni. Altri fattori hanno contribuito a prendere questa decisione come la possibilità di infortuni, l’indisponibilità di alcuni giocatori e considerazioni legate alla lunga trasferta”. Insomma: troppi chilometri, pericolo di infortuni e federazioni non allineate. Sarà per un’altra volta. Forse. Giorgio Sbrocco

19
settembre


Top14 – Fritz Lee (Chiefs) tre mesi a Clermont. By Giorgio Sbrocco

Elvis Verumeulen, n.8 di Clermont è stato sottoposto a intervento chirurgico per la rimozione di un’ernia cervicale. Il club di Vern Cotter ha trovato il su temporaneo sostituto (1.90, 103 kg, 3 mesi di contratto) in Fritz Lee, 25enne neozelandese di origini samoane (Waikato Chiefs) che nelle ultime due stagioni ha disputato solo 7 partite di Super Rugby a causa di ripetuti infortuni. Compagno di squadra di Sitiveni Sivivatu coi Chiefs, Lee (che non è mai stato in Europa) arriverà in Francia per la metà di ottobre e sarà utilizzato sicuramente in novembre, quando il Top14 giocherà in contemporanea con i test match della Francia contro le potenze del Sud.Giorgio Sbrocco

28
agosto


Top14 – Non ci sarà Tolone-Chiefs. Anche Sanzar ha detto: no! By Giorgio Sbrocco

Non si giocherà Tolone – Chiefs, la sfida fra i detentori della Heineken cup e del Super Rugby che il vulcanico presidente del Tolone Mourad Boudjellial aveva in mente di far giocare il 2 febbraio a Montecarlo con l’etichetta di (super?) campionato d’Europa di club. Non si giocherà perché, quando è il momento, anche nel rugby scendono in campo i (veri) poteri forti a mettere in chiaro le cose. Tradotto: “Abbiamo letto di questa idea del Tolone ma noi non abbiamo avuto alcun contatto formale gli enti coinvolti. Un match di questo tipo necessita dell’approvazione della Sanzar, della federazione neozelandese e dell’Erc. Di una partita con queste caratteristiche si è già stata discusso in passato ma il progetto ha sempre trovato l’ostacolo nel calendario di una stagione già molto affollata di impegni”. Parola (chiare!) di Greg Peters, uomo forte della Sanzar. L’Erc aveva già fatto sapere di essere su posizioni coincidenti. Capitolo chiuso.Giorgio Sbrocco

26
agosto


Aviva Premiership – Il neozelandese Graham ai Chiefs a Exeter. By Giorgio Sbrocco

Centimetri e aggressività in seconda linea. Exeter ha annunciato l’ingaggio del neozelandese Romana Graham (27 anni, AB Maori, settima faccia nuova del XV inglese) in vista dell’imminente stagione di premiership. Reduce dal Super Rugby disputato con la maglia dei Chiefs (cinque stagioni anche in ITM con Waikato), Graham, che sabato ha assistito alla vittoria dei suoi nuovi compagni su Bristol (51-7) si è detto “Felice ed eccitato per la nuova avventura”. E ancora “Credo che giocare in Premiership mi aiuterà a migliorare. Qui la concorrenza si annuncia molto forte. C’è un sacco di gente grande e grossa che gioca i questo campionato”. Quanto al cambi odi stile di gioco: “In Europa si pratica un rugby molto condizionato dalla prestazione degli avanti. Cercherò di adattarmi e di essere all’altezza del mio nuovo compito. Per me quel che conta è essere sempre nel vivo dell’azione”.Giorgio Sbrocco

05
agosto


Super Rugby – Rathbone: “Giusta la vittoria dei Chiefs. Hanno giocato di più!”. By Giorgio Sbrocco

"Nel 2004 quando abbiamo vinto il titolo il nostro punto di forza era l’attacco. Quest’anno che abbiamo perso la finale il nostro punto di forza era la difesa”. Non ha dubbi il veterano Clyde Rathbone, ala dei Brumbies, nell’analizzare gli esiti della stagione di Super Rugby che a Hamilon sabato scorso ha laureato i Chiefs per la seconda volta campioni. “La loro vittoria risponde a criteri di giustizia sportiva. Noi abbiamo giocato con la filosofia del Test match: indurre l’avversario all’errore. È giusto che il campionato lo vinca la squadra che produce più gioco. I Chiefs nell’ultimo quarto d’ora ne hanno prodotto parecchio. C’è quasi qualcosa di…poetico nel loro successo”. E infine: “Spero che le autorità del rugby mondiale lavorino per rendere questo gioco sempre più spettacolare. Un gioco che coinvolga le folle e che emozioni. Facciamo parte dell’industria del divertimento e del tempo libero. Dobbiamo segnare tante mete”. Nessuna critica al suo allenatore: “Jake White sa come si prepara una squadra che punti a vincere. I grandi allenatori conoscono le regole e si comportano come lui”.Giorgio Sbrocco

03
agosto


Super Rugby – Chiefs campioni. Ultimi 20’ decisivi. By Giorgio Sbrocco

Chiefs – Brumbies  27 –  22 (pt  9 – 16)Marcatori : 5’, 8’, 20’ cp Lealifano, 23’, 26’, 32’  cp Cruden, 39’ m. Lealifano tr. stesso, 45’ cp Lealifano, 48’ cp Cruden, 55’ cp Lealifano, 63’ mnt Messam, 69’ m. Robinson tr. Cruden, 71’ cp CrudenGialli :Arbitro : Craig Joubert (SA)Il film della partita42’ Mogg piazza da oltre 50 metri sulla sinistra dei pali  (fallo in chiusa di Latimer) ma sbaglia la mira.45’ Capolavoro di George Smith che tenta il recupero a terra e costringe i Chiefs al fallo dentro i 22. Piazza Lealifano dal centro dei pali e fa + 1047’ Errore grave di Toomua su calcio alto di Criden in ricezione e possesso Chiefs che genera un fuori gioco degli australiani. Cruden centra i pali per il 12-1950’ Messam passa n.8, dentro Cane, fuori Vant Leven51’ bizzara (?) decisione dell’arbitro Joubert che concede il turn over dopo introduzione Brumbies e avanzamento degli australiani. La moviola conferma. Pessima decisione.52’ Dalla mischia concessa i Chiefs innescano un’azione al largo (grande Anscombe) e i Brumbies commettono fuori gioco di linea. Piazza Cruden: palo e fuori!! Errore grave54’ George Smith SANTO SUBITO!!!!!!!!!!! Placca, recupera e Rathbone vola verso la meta Placato a due metri dalla linea bianca. Lunga sequenza e palla FORSE toccata a terra su drive a pochi centimetri sulla destra dei pali. Joubert non la vede e chiede lumi al Tmo. 55’ Waikato stadium in silenzio nell’attesa del verdetto. NON è meta! Ma si riprende con mischia a 5 per i Brumbies schierati fuori in formazione 3 + 3. Dopo 13 fasi (di controllo) i Brumbies trovano il calcio in mezzo ai pali che Lealifano non sbaglia ed è ancora +1060’ in avanti di Cane sotto pressione dentro i 5 metri dei Brumbies dopo un ,lungo ed efficace possesso dei Chiefs61’ Withe sbanana il calcio di liberazione, serve Masaga e Chiefs ancora dentro i 22 in avanzamento fino oltre la linea bianca a sinistra dei pali. Joubert chiama ancora il Tmo per sapere se MOgg è stato “tenuto alto o no”. NON è  meta. Mischia Chiefs a 5 metri63’ introduzione Chiefs, rotazione sul lato sinistro e partenza di Messam dal lato del mediano di mischia e meta. Cruden sbaglia la conversione. Brumbies ancora a + 5 65’ dentro Pulu mediano di mischia per i Chiefs69’ Robinson trova il buco ( grazie a Kuridrani che sbaglia la direzione della salita difensiva) vincente dopo che Pulu (!!) aveva innescato un fantastico avanzamento dai propri 22 andando a ripulire a terra una palla persa indietro da Cruden all’impatto. Tmo dice che no ci sono falli precedenti e Chiefs che pareggiano. Cruden trasforma  ed è sorpasso 24-2271’ ancora buco di Pulu da rimessa vinta e fallo Brumbies (Smith?) a terra su palla non ancora “uscita”. Cruden da 33 metri centra i pali per il +5                                   75' recupero difensivo Chiefs dopo lunga azione Brumbies                                                                                                                                                              78' Tenuto Brumbies dopo lunghissimo ma non efficace possesso nel campo dei Chiefs                                                                                                                      CHIEFS CAMPIONI !!! Migliori in campo: Sio, Mogg, Messam (Man of the match)   Giorgio Sbrocco

Super Rugby – Super Lealifano porta i Brumbies avanti di 7 al riposo. By Giorgio Sbrocco

Chiefs – Brumbies 9 - 16Marcatori : 5’, 8’, 20’ cp Lealifano, 23’, 26’, 32’  cp Cruden, 39’ m. Lealifano tr. stessoGialli :Arbitro : Craig Joubert (SA)Il film della partitaEntra in campo per ultimo dei Brumbies George Smith, e prende applausi dai 25 mila del Waikato stadium, nel giorno della sua quinta finale in carriera. Terreno perfetto, clima ideale. Lo stadio è tutto per i padroni di casa e detentori del titolo.2’ Mogg annulla un chip di Barlow sulla chiusa dopo ping pong rugby e buone salite delle reti4’ sanguinosa perdita di possesso dei Chiefs nella zona di collisione, Ben Moven raccoglie e vola oltre la metà campo. Possesso e multifase dei Brumbies che ottengono un cp sui 5 metri a destra dei pali. Piazza Lealifano ed è 3-07’ controruck vincente dei Brumbies dopo un errore di ricezione di Vant Leven e altra occasione per il piede di Lealifano dalla linea dei 5 a destra dei pali. Non sbaglia e i  Brumbies allungano 6-012’ fallo in attacco (ingresso laterale su sostegno a terra di Clark) dei Chiefs davanti ai pali dopo lungo possesso e avanzamento molto efficace16’ lancio completamente sbagliato di Eliot in rimessa laterale. Palla ai Brumbies che con White risalgono il campo.18’ fuori gioco Brumbies al centro dei pali a poco meno di 40 metri dalla porta. Piazza Cruden e sbaglia malamente l’esecuzione20’ Joubert punisce un velo dei Chiefs (Latimer) su ripartenza dopo calcio di rinvio lungo. Lealifano da 42 metri centrali firma il 9-023’ Fardy tenta il recupero a terra in zona di placcaggio. Joubert lo giudica illegale e concede il calcio ai neozelandesi. Cruden stavolta non sbaglia per il 3-9 da posizione molto agevole426’ altro fallo a terra (placcatore che non rotola) dei Brumbies e Cruden che piazza da posizione centrale (37 metri) e non sbaglia il calcio del 6-932’ Smith innesca un recupero nella zona di impatto ma nel prosieguo dell’azione Joubert  vede (solo lui!) un ingresso laterale su pallone vagante controllato dai Brumbies. Cruden pareggia  ed è 9-936’ I Brumbies provano  da metà campo con White su calcio concesso per tenuto Chiefs. Corto39’ follia Chiefs che giocano al largo (Barlow) sotto pressione senza accorgersi che Lealifano è in agguato. Il centro australiano agguanta l’ovale e vola in meta. Tmo per verificare l’eventuale fuori gioco di George Smith nel ruck da cui è generata l’azione di Lealifano.  Meta valida! Nota - 13 calci fischiati nel primo tempo: tanti per una finale.Giorgio Sbrocco

02
agosto


Super Rugby – Due mediani di apertura alle spalle di Rennie e White. By Giorgio Sbrocco

La finale di Super Rugby sarà anche duello a distanza fra staff tecnici. Di particolare rilevanza lo spessore, sul versante neozelandese, dell’ assistente di Dave Rennie, che è il “trevigiano” Wayne Smith, 56 anni, 17 caps AB e, da allenatore, oltre che sulla panchina della Benetton si è seduto su quelle degli All Blacks (come capo allenatore una volta e un’altra come assistente), di Northampton e dei Crusaders. La fianco di Jake White, in campo australiano, c’è invece Stephen Larkham, che non ha ancora compiuto 40 anni e che ha smesso di giocare tre anni fa, dopo aver collezionato 102 caps con i Wallabies. Entrambi giocavano nel ruolo di mediano di apertura. In epoche diverse  hanno dato un contributo importante al profilo tecnico tattico del ruolo. Uno (Smith) attraverso un’applicazione sistematica di canoni organizzativi efficaci, l’altro (a volte) sorprendendo tutti per la genialità di alcune intuizioni. Famosa la sua “corsa obliqua”, fra le altre cose. Richiesto di un parere sul n. 10° dei Chiefs – Aaron Cruden – ha osservato: “Uno che secondo le statistiche attacca la linea del vantaggio una volta ogni sei palloni che gli arrivano fra le mani, è uno che bisogna assolutamente tenere sotto controllo”.  Sulla finale: “Una cosa è certa, rispetto alla vittoria in casa dei Bulls dovremo cambiare piano di gioco”.Giorgio Sbrocco

02
agosto


Super Rugby – Brumbies invariati per la finale. La quinta per George Smith. By Giorgio Sbrocco

Non cambia una virgola (per la terza partita consecutiva, non gli era mai accaduto) coach Jake White nella formazione dei suoi Brumbies che domani (9.35 italiane, diretta su Sky) a Hamilton giocherà la finale di Super Rugby contro i Chiefs. La partita sarà l’ultima apparizione (n. 142) nel XV australiano di George Smith. Così White sui prossimi avversari: “Sono i campioni in carica, giocano in casa, batterli sarà molto difficile, lo sforzo richiesto ai miei ragazzi sarà enorme. Hanno lavorato molto e duramente, on hanno alcuna intenzione di fare regali. Confermare per tre volte la stessa formazione a questo punto della stagione è un segnale che considero molto positivo”. Per i Brumbies è la sesta finale (l’ultima risale al 2004) e per George Smith, che uguaglia il record di George Gregan e Stephen Larkham, la quinta.Brumbies  1. Scott Sio ,2. Stephen Moore ,3. Ben Alexander ,4. Scott Fardy ,5. Sam Carter ,6. Peter Kimlin ,7. George Smith ,8. Ben Mowen (c) ,9. Nic White ,10. Matt Toomua ,11. Clyde Rathbone ",12. Christian Lealiifano ,13. Tevita Kuridrani ,14. Henry Speight ,15. Jesse Mogg In panchina:16. Siliva Siliva ,17. Ruan Smith, 18. Fotu Auelua,19. Colby Faingaa ,20 Ian Prior ,21 Andrew Smith ,22 Joe TomaneGiorgio Sbrocco

Rugby Ball