30
novembre


Rabo Pro 12 – Cavinato (Zebre): “Complimenti ai miei giocatori”. By Giorgio Sbrocco

Da Parma le prime impressioni dopo la sconfitta delle Zebre con l’Ulster. Così il capo allenatore della franchigia italiana Andrea Cavinato: “Ulster oggi ha dimostrato perché è secondo nella classifica delle migliori difese del torneo.  Le Zebre hanno fatto un grande partita, forse un po’ troppo piatti nel primo tempo, meglio nella ripresa. Faccio i complimenti ai miei giocatori: oggi non si può imputare nulla alla mia squadra che ha dimostrato di essere di un alto livello internazionale. Il rammarico è non avere raccolto punti, ma dobbiamo essere sereni e continuare a lavorare. Abbiamo avuto un alto ritmo e velocità, con diverse sequenze sopra il minuto e trenta secondi. Nel finale potevamo gestire con più tranquillità alcune situazioni come la trasformazione di Orquera per ottenere di più. Non dobbiamo però accontentarci”. Sui giovani impiegati nel triangolo profondo: “Guglielmo (Palazzani, ndr) lo conosco bene avendolo allenato per alcuni anni. Fuori ruolo lui po’ fare la differenza come oggi: io l’avrei premiato come migliore in campo per la reattività e la capacità di giocare la prima gara da titolare a questo livello. Un estremo che gioca in questo modo da sicurezza a tutta la squadra. Venditti è stato performante oggi rompendo diverse volte la linea, cercandosi palloni importanti: la sua migliore gara stagionale. Una buona gara anche per Sarto che sta prendendo sempre più consapevolezza dei suoi mezzi: la crescita di questi giovani non può che fare bene per le Zebre”. Giorgio Sbrocco

Italian League Eccellenza – Cavinato (Calvisano): “Attenti a Fadalti!”. By Giorgio Sbrocco

Così Andrea Cavinato, tecnico del Cammi Calvisano e futuro capo allenatore delle Zebre in Pro 12 (al suo fianco il cugino Umberto Casellato allenatore del Mogliano) alla vigilia del big match delle 17esima giornata del campionato di Eccellenza in programma domani alle 13 (diretta Raisport) allo stadio Quaggia:  “La giusta gestione del gioco in determinate situazioni sarà fondamentale, la mischia chiusa si dovrà adattare alle disposizioni dell’arbitro, altrimenti il calciatore di Mogliano potrebbe davvero fare la differenza. Rimane ottima la difesa contro Prato e lo spirito è quello giusto”.  Il calciatore in questione è Fadalti, da poco recuperato dopo una lunga assenza per infortunio, che si candida a recitare un ruolo di primo piano nell’attesissima sfida fra cugini.Giorgio Sbrocco

04
marzo


Rabo Pro 12 – Andrea Cavinato alle Zebre? “Nessuna firma, nessun contratto. L’offerta c’è, ma ci sto ancora pensando”. By Giorgio Sbrocco

“Non  ho firmato alcun accordo per la prossima stagione sulla panchina delle Zebre”. Parola di Andrea Cavinato (nella foto di Elena Barbini), attuale capo allenatore dei campioni d’Italia del Cammi Calvisano, raggiunto da www.glengrant.it nella sua casa di Treviso. “Ho ricevuto un’offerta” ammette poi il tecnico. “E sto attentamente valutando le condizioni di un mio possibile coinvolgimento nel progetto della franchigia di base a Parma”. Ma nulla di concluso. “Ripeto: nessuna firma su nessun contratto. Quando sarà il momento di concludere la stampa sarà informata. Tutto quello che attualmente circola sull’argomento è frutto di azzardi, congetture e di voglia di arrivare primi sulla notizia”. Una notizia che, al momento “non c’è” insiste Cavinato. Restiamo in attesa. Giorgio Sbrocco  

Eccellenza – Cavinato (Calvisano) sulla squalifica di Ferraro: “Pena molto pesante. Senza precedenti al mondo”. By Giorgio Sbrocco

“Sono sereno. Mi spiace umanamente per il ragazzo, ma il mio lavoro è allenare il Calvisano, non commentare l’operato dei giudici”. Così l’allenatore del Calvisano Andrea Cavinato sulla squalifica di sette mesi comminata al suo tallonatore Luigi Ferraro per il pugno a Riccardo Pavan nel corso di Vadana-Calvisano del 23 dicembre. *Converrà che si tratta di una pena molto pesante…- C’è poco da convenire. Sette mesi sono sette mesi, mettiamoci anche la pausa estiva…E per un pugno. Penso a quello di Hore (tallonatore All Blacks) contro il Galles o a quello di Tuilagi. Il primo salterà un paio di amichevoli, l’altro mi pare abbia preso 15 giorni. Niente da dire sulla colpevolezza del mio giocatore. Ma la pena dovrebbe essere adeguata al delitto…Credo non esistano precedenti al mondo di una penalizzazione tanto pesante per un fatto del genere *C’è il precedente di Montauriol (del Cz Rovigo, aprile 2012) che colpì al volto con un calcio un giocatore di Prato a terra…- Cinque mesi poi ridotti a tre *Quella di Ferraro sarà un’assenza che peserà sulla squadra?- Nel ruolo abbiamo ottimi giocatori. Gente come Violi e Morelli. A Calvisano è forte il gruppo, i singoli servono ad alzare il rendimento del collettivo. Ricordo ancora quando se ne andò Pascu (ora a Viadana), era Natale, pareva la fine del mondo. Poi vincemmo Coppa Italia e Scudetto! Ripeto: sono addolorato e dispiaciuto per Ferraro. Ma lo sono sul piano umano. So cosa vuol dire stare fuori un campionato intero… *Calvisano presenterà ricorso?-Non dipende da me. È una decisione che spetta alla dirigenza del club.  *Ma se dipendesse da lei lo presenterebbe?- Sa cosa mi pesa in maniera particolare? Quei due mesi aggiunti come aggravante. Mi sembrano, non solo eccessivi, ma per come si sono svolti i fatti direi: gratuiti, fuori luogo. Calvisano sarà in campo sabato al San Michele per il quinto turno di Amlin cup contro Bucarest.Giorgio Sbrocco  

03
novembre


Eccellenza – Il posticipo è Prato-Calvisano. Frati: “Speriamo non piova”. Cavinato: “Primo vero test”, By Giorgio Sbrocco

Annunciate le formazioni di Cavalieri Prato  e Cammi Calvisano che domani allo stadio Chersoni di Iolo si sfideranno nel posticipo della quinta giornata del campionato di Eccellenza. Il match ripropone, a distanza di pochi mesi, la serie tricolore che al termine della stagione 2011/2012 assegnò lo scudetto al XV bresciano, che oggi si presenta in Toscana secondo in classifica e imbattuto. A misurarsi con una  formazione reduce dal poco pronosticato stop subito al Battaglini di Rovigo sette giorni fa. E quindi più che mai desiderosa di pronto riscatto. Le dichiarazioni della vigilia di Filippo Frati che, insieme con Andrea De Rossi, guida la formazione di casa: : “Calvisano è la formazione in assoluto più completa del campionato e con il  budget più ampio. Dal nostro punto di vista siamo contenti che ci si presenti questa possibilità di riscatto proprio a ridosso della prima sconfitta patita dalla nostra squadra. La partita giocata al Battaglini ha messo in luce le difficoltà nella gestione dell’ovale all’interno della nostra metà campo, ecco perché nel lavoro svolto in settimana ci siamo focalizzati su questo aspetto cercando di migliorarlo. Quello che ci preoccupa - conclude Frati - sono le condizioni meteo, infatti il campo pesante e il pallone scivoloso non ci agevolano nel nostro sforzo di migliorare la fase tattica”.Le parole di Andrea Cavinato, tecnico dei campioni d’Italia; “Fina ad ora il calendario ci ha riservato partite contro squadre meno  che non hanno i play off fra i loro obiettivi. Siamo imbattuti e secondi dietro a Viadana. Ci aspettiamo di mantenere intatto il distacco con la vetta e di verificare alcuni importanti aspetti  della nostra organizzazione di gioco”.Queste le formazioni annunciatePrato: Berryman, Ragusi, Majstorovic, McCann, Ngawini, Vezzosi, Frati, Pelizzari, Del Nevo, Petillo, Nifo, Cavalieri, Garfagnoli Giovanchelli (cap.), Roan. In panchina: Borsi, Lupetti, Bernini, Ruffolo, Patelli, Sepe, Tempestini, Pozzi.Calvisano: Berne, Appiani, Canavosio, Castello, De Jager, Marcato, Palazzani, Vunisa, Brancoli, Cicchinelli, Hehea, Erasmus, Costanzo, Morelli, Lovotti. In panchina:  Scarsini, Coletti, Ferraro, Beccaris, Salvetti, Griffen, Picone, Bergamo.Giorgio Sbrocco .

01
ottobre


Eccellenza: Frati, Cavinato e Casellato: vincenti ma non contenti. By Giorgio Sbrocco

Giornata di allenatori vincenti ma poco o punto soddisfatti delle prestazioni delle proprie squadre. Il tecnico dei Cavalieri Prato Filippo Frati (che con il livornese De Rossi divide la conduzione tecnica della formazione vice campione d’Italia) ha testualmente e amaramente osservato al termine di Reggio – Viadana (vinta 38-6 con bonus): “Certo è che se continuiamo a giocare in questa maniera, non andremo da nessuna parte”. Per dire che, in rapporto alle potenzialità di cui dispone la rosa dei toscani, il rugby espresso nel posticipo domenicale alla Canalina è davvero poca cosa. Da San Donà di Piave, dopo aver portato a casa una vittoria sul filo di un calcio sbagliato dai veneziani al minuto 86 quando aveva fuori per giallo una seconda linea (Beccaris) e il mediano di mischia (Palazzani), il tecnico dei campioni d’Italia di Calvisano Andrea Cavinato riflette sul fatto che “alcuni dei miei giocatori non vogliono capire che per puntare a obiettivi importanti occorre coltivare giorno per giorno un’attitudine mentale che ha alla base l’assoluto e tutale rispetto degli impegni presi e degli avversari. Nonostante in settimana io abbia insistito fino alla nausea nel dipingere la trasferta di San Donà come un impegno fra i più insidiosi…qualcuno dei miei è sceso in campo convinto che il giusto atteggiamento fosse quello della gita fuori porta. In questo caso: in riva al fiume sacro alla Patria. E gli effetti di una tale colpevole sottovalutazione, in campo, si sono visti. Eccome! Certo che pensare di fare il rugbista di professione e non saper distinguere una scampagnata da salamelle e costicine da un impegno professionale di assoluto rilievo….”. A chiudere la rassegna degli allenatori non soddisfatti è Umberto Casellato (Mogliano): “A L’Aquila abbiamo giocato come si deve per non più di 10 minuti. E forse non è un caso che in quel lasso di tempo siamo andati in vantaggio 10-3. Il resto della partita è stato un continuo subire l’aggressività dei nostri avversari e fare, se possibile, più confusione di quanta non ne producesse la loro pressione. Disordinata ma, occorre ammettere, efficace”. Solo un cenno alla disastrosa situazione-infortuni. Con Enrico Endrizzi (fuori pericolo) ricoverato all’ospedale dell’Aquila per frattura alla seconda vertebra cervicale e l’altro numero 9, Lucchese, con una sospetta frattura al bacino ultimi di un elenco di infortunati gravi che pare non chiudersi mai, Casellato ha fatto sfoggio del suo proverbiale pragmatismo: “Li aspettiamo a gennaio. Se quando torneranno tutti disponibili ci sarà ancora tempo per mettere a posto la classifica…faremo di tutto per riuscirci. In caso contrario: chiuderemo la stagione con la consapevolezza di aver fatto tutto quanto in nostro potere”. Giorgio Sbrocco

19
settembre


Eccellenza: Domani il Cammi campione in piazza a Calvisano. Cavinato: “Puntiamo in alto!”. By Giorgio Sbrocco

Presentazione ufficiale domani (19.30, musica e stand gastronomici aperti al pubblico) nella centrale piazza dei Caduti del Cammi Calvisano campione d’Italia alla viglia dell’apertura (i casa contro la matricola Fiamme Oro) della stagione di Eccellenza in programma domenica 23 (posticipo).  Ottimista coach Cavinato: “So benissimo che se vincere uno scudetto è difficile, vincerne due di seguito lo è ancora di più. Ma conosco a fondo questa squadra e gli uomini che la compongono. In estate ci siamo oggettivamente potenziati in tutti i reparti. Ovvio che puntiamo molto in alto, consapevoli della nostra forza e nel rispetto di tutti gli avversari”. Sbilanciandosi in un pronostico il tecnico trevigiano che con il club giallonero ha vinto due titoli italiani ha detto: “Per i play off vedo favoriti Prato, Mogliano, Viadana e Lazio. Delle venete mi fido poco e non le considero fuori dai giochi. Noi? Vorremmo esserci!”.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball