04
maggio


Rabo Pro 12 – Zebre: Bortolami guarda avanti, Sole torna in NZ. By Giorgio Sbrocco

Amarezza per il modo in cui si è concluso il primo (travagliato come da scontato pronostico) anno di Pro 12 della franchigia federale delle Zebre ma, al contempo, idee chiare e coscienza a posto nelle parole di capitano Bortolami e di Josh Sole dopo la sconfitta di misura (25-27) con Munster a Moletolo ieri seraMarco Bortolami sulla sconfitta col gli irlandesi: ”Un peccato perché qualche episodio ci ha penalizzato e abbiamo perso solo di due punti. Il primo tempo abbiamo regalato due mete...È  stata comunque una delle nostre partite migliori. Un po’ più di disciplina nel secondo tempo ci avrebbe fatto comodo. Ripartiremo da qui per la prossima stagione consci che la base è sicuramente migliore di quella di partenza la scorsa estate.” . Sul futuro del gruppo: :”Oggi abbiamo giocato alla pari con una formazione che è arrivata in semifinale di Heineken Cup: dobbiamo aver fiducia nel lavoro e lavorare duro perché ci sono enormi margini di miglioramento e solo il duro lavoro paga a questo livello. Molti giovani esordienti  hanno capito quest’anno cos’è l’alto livello; sono cresciuti anche se non è ancora sufficiente. Sono fiducioso, dobbiamo confermare questi segnali di miglioramento”.Josh Sole, Man of the match della serata:”E’ stata un’esperienza incredibile per me qui in Italia, sono cresciuto tanto nel rugby in questo paese soprattutto in Nazionale grazie ai tecnici Berbizier e Mallett. Anche quest’anno alle Zebre in una rosa con molti giovani sono cresciuto con loro: ci sono tanti bravi ragazzi e bravi allenatori come Gajan, Troncon e Troiani. Con Munster, come in tante partite nella stagione, abbiamo peccato nella disciplina. Non è mancata mai la voglia: è stato un problema di disciplina soprattutto nel secondo tempo”. Quanto al suo futuro: “Torno in Nuova Zelanda e giocherò nel campionato nazionale neozelandese da fine agosto a ottobre. Una scelta fatta con e per la mia famiglia”. Giorgio Sbrocco

23
febbraio


Rabo Pro12 – Marco Bortolami (Zebre): “Ripartire da Belfast per battere Newport”. By Giorgio Sbrocco

Dichiarazioni di Marco Bortolami capitano e seconda linea (finalmente titolare) delle Zebre che domani saranno in campo a Moletolo contro Newport per la 16esima giornata del Pro 12: ”La squadra ha confermato le impressioni che avevo nei mesi da spettatore: tanta volontà e voglia di fare ma anche tanti errori pagati a caro prezzo sui quali migliorare. La mia presenza in campo ha bisogno di maggior tempo per essere più determinante, necessito di qualche gara in più in uno sport dove l’individuo non è mai fondamentale “Sulla sconfitta di Belfast contro l’Ulster :”Siamo migliorati, anche se commettiamo ancora troppi errori. Per vincere la nostra prima gara dobbiamo partire da Belfast e fare un ulteriore passo avanti. Mantenere la stessa determinazione, qualità di gioco anche offensivo e continuare a crederci consci che a questo livello per vincere non bastano: bisogna giocare meglio dell’avversario.Sui Dragons :”Sono un avversario ostico. Affrontano un momento non brillante ma è difficile giocarci contro perché sporcano il tuo gioco e mettono molta fisicità. Se a questo aggiungiamo le condizioni meteo che non saranno delle migliori, ecco come concretezza e pochi errori saranno fondamentali”Sul match del Sei Nazioni a Roma contro il Galles :”E’ una partita che può cambiare il Sei Nazioni dell’Italia in positivo dopo le due facce mostrate nei primi due turni. Arriva un Galles rinato dopo la vittoria a Parigi, un avversario che assicuro non sottovaluterà l’Italia che dovrà fare una grande partita a Roma”.Il capitano dei gallesi Lewis Evans ha dichiarato “Le Zebre hanno giocato testa a testa con tante squadre in questo campionato. La nostra pesante sconfitta coi Warriors li avrà caricati. Non è bello essere contestati dai propri tifosi, ma le critiche erano meritate. Parma non è un campo facile e la trasferta lunga. Le Zebre sono molto migliorate rispetto all’esordio a Newport, soprattutto negli avanti. Dobbiamo concentrarci su noi stessi e fare una buona prestazione”.Giorgio Sbrocco

11
febbraio


Rabo Pro12 - Bortolami e Bergamasco (Zebre) concordano: “Troppi regali a Glasgow!”. By Giorgio Sbrocco

Le dichiarazioni nel dopo gara della seconda linea Marco Bortolami, alla sua prima uscita stagionale con la maglia delle Zebre domenica a Moletolo contro i Glasgow Warriors: ” Purtroppo alla fine ci siamo sfilacciati, ma anche nel primo tempo molti dei loro punti sono stati regalati da noi. Dobbiamo imparare ad essere più cinici, più quadrati e concedere meno. Tutte le opportunità lasciate all’avversario sono state sfruttate per punirci”. Circa il ritorno in campo: “Ero un po’ teso ma concentrato: non ho pensato all’impatto fisico. E’ bello ritrovare il campo, fare una bella ora di rugby vero ed uscire dal campo soddisfatto. Dovrò mettere minuti sulle gambe per tornare al 100%; però la strada è quella giusta. Cercherò di dare il mio contributo nel proseguo della stagione, dobbiamo lavorare perché la vittoria non è lontana. Dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare duramente. Glasgow ha dimostrato di essere una squadra di alta classifica e ha giocato fasi statiche di buon livello. Noi, dopo aver sofferto un po’ all’inizio, abbiamo preso le misure. Gli errori che facciamo nei nostri 22 quando recuperiamo palla ci puniscono troppo duramente: dovremo cercare di eliminarli”.Sulla stessa lunghezza d’onda anche Mauro Bergamasco, sceso in campo con i gradi di capitano: ”La differenza nel secondo tempo è stata la disciplina che ci ha visto protagonisti in negativo con troppe punizioni concesse agli avversari. Abbiamo perso lucidità in alcune fasi di gioco nonostante fossimo presenti sia in attacco che in difesa. Ciò ha permesso a Glasgow di essere in condizione di approfittare del vantaggio territoriale. Una gara che era cominciata bene  per noi. Credo che il risultato non sia corretto rispetto alla qualità delle due formazioni. Con più attenzione sarebbe stato diverso e magari a nostro favore. Loro sono una squadra completa, fisica e molto veloce al largo. Quando abbiamo attaccato con criterio e secondo il rugby che ci piace proporre siamo stati pericolosi. Bisogna arrivare sino in fondo al processo offensivo e segnare le mete, oggi non lo abbiamo fatto in tutte le opportunità possibili. Il rientro di Bortolami è estremamente positivo sia nel gioco sia nelle fasi di conquista, è il nostro capitano. Oggi è stato positivo ed il rientro dei nazionali darà un gruppo che ha sempre entusiasmo per andare avanti e riuscire a raggiungere i nostri obiettivi”.Giorgio Sbrocco

09
ottobre


Pro 12 – La spalla di Marco Bortolami sta bene. In campo fra 25 settimane. E alla WC 2015? By Giorgio Sbrocco

Questione di prospettive e di punti di vista. Per la serie: bicchiere mezoz pien oe mezoz vuoto? La notizia è che la spalla di Marco Bortolami (capitano delle Zebre), sottoposta a esami strumentali di controllo dopo l'intervento chirurgico dello scorso 16 settembre, è risultata alla Tac  “dotata di buona stabilità”. E in considerazione di ciò il giocatore ha iniziato il previsto programma di fisioterapia. Fin qui la buona notizia. Quella meno buona riguarda la prognosi. Confermata la stima di 15 settimane (6 mesi) prima che la forte seconda linea padovana della nazionale possa ritornare a giocare. Auguri Marco! A nome di tutti gli sportivi appassionati di rugby e non solo. Alla WC del 2015 in Inghilterra Bortolami avrà da poco compiuto 35 anni. Decisamente non troppi per uno che gioca nel suo ruolo.Giorgio Sbrocco

18
settembre


Pro 12 – Bortolami operato alla spalla. Prima verifica fra un mese. In campo a novembre? By Giorgio Sbrocco

Il capitano e seconda linea delle Zebre Marco Bortolami è stato dimesso ieri dall’ospedale Maggiore di Parma dove è stato sottoposto a intervento chirurgico alla spalla sinistra – lussatasi lo scorso 9 giugno a San Juan nel corso del test match Argentina-Italia. L’intervento è stato eseguito dal dottor Carlo De Biase e dalla sua equipe, con la collaborazione del dott. Alessandro Castagna. L’intervento è perfettamente riuscito. Il decorso operatorio, seguito dal responsabile medico delle Zebre dott. Rocco Ferrari, prevede quattro settimane di riposo e nuovi esami strumentali di controllo ad un mese dall’intervento. Dall’esito dei quali, pare ragionevole ritenere, dipenderà la presenza o meno del veterano padovano nei test contro Tonga, Nuova Zelanda e Australia.Giorgio Sbrocco

11
settembre


Pro 12 – Marco Bortolami (Zebre) sotto i ferri . By Giorgio Sbrocco

Entrerà in sala operatoria venerdì il padovano Marco Bortolami (94 caps) capitano delle Zebre. Per lui: nuovo intervento chirurgico di stabilizzazione della spalla sinistra lussatasi il 9 giugno a San Juan nel test contro l’Argentina. A eseguire l'intervento saranno i dottori Carlo De Biase e Alessandro Castagna sotto la supervisione del responsabile medico delle Zebre Rugby, dott. Rocco Ferrari. I empi di rientro in attività dipenderanno dall'esito dell'operazione.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball