02
giugno


Top 14 – Laporte (Tolone): “Castres ha meritato la vittoria”. By Giorgio Sbrocco

Le immagini televisive ci hanno proposto un Bernard Laporte livido in volto al triplice fischio finale che ha consegnato nelle mani di Castres il simbolo del comando del rugby francese, il mitico scudo di Brenno che a Castres aspettavano da due decenni. Il tempo di metabolizzare la cocente delusione e il manager di Tolone è ritornato al format che ben conosciamo: onestà intellettuale, linearità di analisi e, soprattutto, rispetto per l’avversario. Probabilmente recitando un copione. Ma di quelli scritti bene! “Occorre riconoscere che i giocatori di Castres sono stati molto efficaci e atleticamente consistenti. La loro vittoria è meritata e meritano che ciò venga riconosciuto. È stata una partita molto combattuta. Credo che nel primo tempo ci siamo complicati la vita da soli, commettendo alcuni errori che hanno permesso ai nostri avversari di andare al riposo  in vantaggio, mentre avremmo dovuto chiudere noi in vantaggio. Complimenti a Castres! La stagione è stata lunga e faticosa. L’entusiasmo e la freschezza sul campo sono state di Castres. Nulla da rimproverare ai miei giocatori. Si sono battuti con valore”. Non una parola sui pali di Wilkinson e sul velo di Diarra nell’azione della meta di Kockott alla fine dei primi 40’. Chapeau!Giorgio Sbrocco

26
maggio


Top14 – Laporte (Tolone): “Trovato il ritmo siamo venuti fuori noi!”. E il presidente chiamerà l’esercito! By Giorgio Sbrocco

“Grande impresa! Ma questi giocatori la mia stima l’avevano già guadagnata da tempo!” sostiene con la pacatezza che hanno solo i grandi quando vincono il ct di Tolone Bernard Laporte in attesa di disputare la finale di campionato sabato contro Castres. Quanto all’impresa di Nantes contro Tolosa: “Ci abbiamo messo mezz’ora a trovare il giusto ritmo, e in quel periodo i nostri avversari ci hanno messo molto in difficoltà. Ma nella ripresa siamo venuti fuori noi…Quando ho cominciato a mandare i campo la panchina e ho visto gli effetti dell’immissione sul campo di sangue fresco ho capito che ce l’avremmo fatta”. Solito stile asciutto …spartano nelle dichiarazioni del presidente Mourad Boudjellal: “Ciò che ci sta accadendo è pazzesco! Se vinciamo anche la finale di Top14, a Tolone bisognerà far intervenire l’esercito". Giorgio Sbrocco

20
maggio


Heineken cup – Laporte (Tolone): “Mai visti mercenari nella mia squadra!”. By Giorgio Sbrocco

Il dopo Clermont – Tolone nelle parole (schiette come d'abitudine) di Bernard Laporte in risposta a chi gl iha domandato come abbia vissuto la finale di HC vinta a Dublino dalla sua squadra: “C'è un motivo per cui non ho più voluto allenare. Non ne ho più l'età! Ho il cuore che...perde colpi (letteralmente: qui va péter!). Mi piace farmi coinvolgere dagli eventi, ma non sono così sciocco (letteralmente: con) da farlo a rischio della vita. Durante la finale mi sono isolato, ma avevo l'impressione di essere in prigione. In attesa di un giudice che sarebbe venuto a dirmi se avevo perso o vinto. Se sarei rimasto in cella o mi avrebbero liberato. Quando è arrivato Tom Whitford (manager della squadra, ndr) con le lacrime agli occhi ho capito che avevamo vinto”. Poi, per la serie: sassolini dalle scarpe: “Bravi tutti i ragazzi! Hanno vinto con pieno merito. Li hanno chiamati mercenari. Io li allenao da 20 mesi: non ho visto un solo mercenario fra di loro, ma solo gente appassionata e umile che ha molto da insegnare ai giovani. In 20 mesi abbiamo giocato tre finali, siamo campioni d'Europa e sabato giochiamo la semifinale di campionato. Quale altro gruppo al mondo ha saputo fare ciò che abbiamo fatto noi? Nessuno!”. E infine: filosofia pura: “A tutti quelli che hanno continuato a sostenere che per costruire una squadra servono tre, quattro, cinque anni...”Giorgio Sbrocco

Rugby Ball