23
ottobre


Australia – Moore: “In Europa useranno la mischia per fare punti e metterci in difficoltà”. Vero. By Giorgio Sbrocco

Mani…avanti in caso di malaugurata pessima figura nell’imminente tour europeo o niente più di una sensata e onesta presa d’atto di un momento non certo favorevole ai suoi colori? Il dubbio c’è. A leggere cosa dice Stephen Moore (tallonatore Australia, 30 anni, 86 caps) della mischia chiusa della sua  in relazione ai pacchetti che lui e i suoi colleghi di reparto dovranno fronteggiare in novembre nel vecchio continente. “Inghilterra, Italia, Irlanda, Scozia e Galles punteranno molto sulla mischia ordinata, soprattutto alla luce delle nostre prestazioni con Nuova Zelanda, Sud Africa e Argentina. Le squadre dell’emisfero nord useranno la mischia per mettere punti a referto – ha dichiarato convinto – e non come un modo per riprendere il gioco (la voce è arrivata anche dalle parti di Sydney? Ndr). Per le squadre europee la mischia è una fase di gioco da cui guadagnare supremazia e segnare punti. Sono sicuro che punteranno a questo”. Moore non è quindi fra gli ottimisti che dopo la sconfitta con gli AB a Dunedin (41-33) hanno parlato di “vittoria morale”. Variante down-under del concetto di  “sconfitta onorevole”, abusato luogo comune di cui le squadre perdenti sono storicamente convinte e appassionate sostenitrici.Giorgio Sbrocco

Nuova Zelanda – Vittoria All Blacks a Dunedin sull’Australia. By Giorgio Sbrocco

Sette mete e tanto buon rugby a Dunedin nel terzo (ininfluente) capitolo della Bladisloe cup 2013 fra Nuova Zelanda e Australia. Per i campioni del mondo hanno segnato: Savea al 10’, Cane al 30’, Cruden al 37’ e Reid al 54’. Tre le marcature Wallabies: Quade Cooper (suoi 23 punti personali) al 40’, Toomua al 48’ e Kiridrani al 77’.Bladisloe cup 2013Nuova Zelanda – Australia 41 – 33Giorgio Sbrocco

Nuova Zelanda – Tre novità a Dunedin con l’Australia. By Giorgio Sbrocco

Keven Mealamu tallonatore, Jeremy Thrush (Hurricanes) in seconda e il rientrante Cory Jane all’ala nella formazione della Nuova Zelanda che il ct Steve Hansen manderà in campo sabato a Dunedin contro l’Australia nella terza )ininfluente) sfida della Bladisloe cip 2013 che i tuttineri di sono già assicurati vincendo i due test del recente Championship Four Nations.Nuova Zelanda: 15 Israel Dagg, 14 Cory Jane, 13 Ben Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Julian Savea, 10 Aaron Cruden, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Richie McCaw (capitano), 6 Liam Messam, 5 Samuel Whitelock, 4 Jeremy Thrush, 3 Charlie Faumuina, 2 Keven Mealamu, 1 Tony Woodcock.Riserve: 16 Dane Coles, 17 Wyatt Crockett, 18 Ben Franks, 19 Brodie Retallick, 20 Sam Cane, 21 Tawera Kerr-Barlow, 22 Beauden Barrett, 23 Tom TaylorGiorgio Sbrocco

15
ottobre


Australia – Infermeria sold out alla vigilia di gara 3 di Bladisloe cup. By Giorgio Sbrocco

Quella partita (inutile) di Dunedin sabato prossimo è proprio nata male. Se in Nuova Zelanda l’evento conclusivo della Bladisloe già vinta riscalda poco i cuori, figurarsi in Australia! Sarà per la scarsa adrenalina delle vigilia, sarà chissà per cosa ma è un fatto che, un po’alla volta, i Wallabies stanno marcando visita in maniera cadenzata e regolare. Per la gioia di coach Ewen McKenzie che si sta accorgendo di non avere più a disposizine una linea arretrata degna di questo nome. Dopo Christian Leali'ifano, è il turno delle due ali - Joe Tomane e Chris Feauai-Sautia – che hanno alzato bandiera bianca per guai al ginocchio. In emergenza è stato chiamato Peter Betham.Giorgio Sbrocco

11
ottobre


Tags
,

Australia: i 32 convocati per i test in Europa e la sfida di Dunedin. By Giorgio Sbrocco

In campo sabato prossimo a Dunedin (terzo inutile round di Bledisloe Cup) contro la Nuova Zelanda e alla vigilia del tour in Europa l’Australia ha reso noti oggi i 32 convocati (a casa l'indisciplinato O'Connor) per il duplice impegnativo impegno. prima di sbarcare a Torino per la sfida all’Italia, l’Australia sarà il 2 novembre a Twickenham contro l’Inghilterra per poi proseguire, con Irlanda (Dublino, 16 novembre), Scozia (Edinburgo, 23 novembre) e Galles (Cardiff, 30 novembre). Il vecchio e caro “giro” delle Home Unions isolane che ha scritto pagine importanti della storia del rugby e che promette di non deludere.  AUSTRALIA PiloniBen ALEXANDER (ACT Brumbies, 57 caps)Sekope KEPU (NSW Waratahs, 32 caps)Benn ROBINSON (NSW Waratahs, 61 caps)Paddu RYAN (NSW Waratahs, 1 cap)James SLIPPER (Queensland Reds, 42 caps)TallonatoriSaia FAINGA’A (Queensland Reds, 25 caps)Stephen MOORE (ACT Brumbies, 85 caps)Tatafu POLOTA-NAU (NSW Waratahs, 44 caps)Seconde lineeKane DOUGLAS (NSW Waratahs, 12 caps)James HORWILL (Queensland Reds, 42 caps) – capitanoRob SIMMONS (Queensland Reds, 32 caps)Sitaleki TIMANI (NSW Waratahs, 13 caps) Flanker/n.8Dave DENNIS (NSW Waratahs, 15 caps)Scott FARDY (ACT Brumbies, 6 caps)Liam GILL (Queensland Reds, 13 caps)Michael HOOPER (NSW Waratahs, 22 caps)Ben MCCALMAN (Western Force, 26 caps)Ben MOWEN (ACT Brumbies, 9 caps) Mediani di mischiaWill GENIA (Queensland Reds, 49 caps)Nick PHIPPS (Melbourne Rebels, 14 caps)Nic WHITE (ACT Brumbies, 6 caps)Mediani d’aperturaQuade COOPER (Queensland Reds, 44 caps)Matt TOOMUA (ACT Brumbies, 6 caps)CentriAdam ASHLEY-COOPER (NSW Waratahs, 86 caps)Mike HARRIS (Queensland Reds, 8 caps)Tevita KURIDRANI (ACT Brumbies, 4 caps)Christian LEALI’IFANO (ACT Brumbies, 9 caps) AliNick CUMMINS (Western Force, 8 caps)Chris FEAUAI-SAUTIA (Queensland Reds, 1 cap)Joe TOMANE (ACT Brumbies, 5 caps) EstremiIsrael FOLAU (NSW Waratahs, 9 caps)Bernard FOLEY (NSW Waratahs, 1 cap) Giorgio Sbrocco   

08
ottobre


Italia – A Torino presentato il test match con l’Australia. By Giorgio Sbrocco

Stamane a Torino, a cinque anni esatti dopo il tutto esaurito all’Olimpico con l’Argentina il 15 novembre del 2008 è stato presentato il Test match Italia-Australia del 9 novembre- “Dopo cinque anni siamo felici di riportare la nostra Nazionale a calcare un terreno prestigioso come quello dell’Olimpico di Torino” ha dichiarato il Presidente della Fir, Alfredo Gavazzi nel corso della conferenza stampa svoltasi stamane presso il Comune di Torino ed a cui hanno partecipato, unitamente al massimo dirigente federale, l’assessore comunale allo sport Stefano Gallo, il Prof. Riccardo D’Elicio, Presidente del CUS Torino che affianca FIR nell’organizzazione e Franco Ferraresi, direttore settore sport della Regione Piemonte. “Nel 2008, in occasione della partita con l’Argentina – ha proseguito il Presidente federale - l’Italia scese in campo in una fantastica cornice di pubblico: proprio stamattina abbiamo superato il traguardo dei quindicimila biglietti staccati per la gara con l’Australia, un traguardo importante quando manca un mese esatto al calcio d’inizio del match che ci opporrà ai Wallabies. Siamo fiduciosi che, anche il prossimo 9 novembre, la nostra Nazionale giocherà in un impianto esaurito in ogni ordine di posto: un anno fa, a Firenze, il pareggio con gli australiani ci sfuggi negli istanti conclusivi del match, quest’anno non posso che augurarmi un finale diverso contro un avversario che mai, in precedenza, abbiamo battuto nella nostra storia. La scelta di Torino quale sede della partita con l’Australia, l’avversario più prestigioso tra quelli di questo autunno non è casuale. Le istituzioni, l’assessore Gallo in primis, si sono adoperati per far sì che questo appuntamento potesse disputarsi all’Olimpico. Il Piemonte è una Regione in forte crescita sotto il profilo dei tesserati e la Federazione guarda con attenzione al rugby piemontese". Stefano Gallo, Assessore allo Sport del Comune di Torino, capitale europea dello sport nel 2015, ha ringraziato “la scelta lungimirante della Fir e del Presidente Gavazzi di voler costruire con la nostra città un percorso comune sino al 2015Giorgio Sbrocco

06
ottobre


Championship Four Nations – Il Cucchiaio all’Argentina. Australia devastante a Rosario. By Giorgio Sbrocco

A volte le strade della sconfitta (come quelle che conducono all’inferno)… sono lastricate da buone, spesso: ottime, intenzioni. Al termine della partita (l'ultima del super campionato australe) che avrebbe potuto/dovuto regalare all’ Argentina la prima storica vittoria nel Championship è invece arrivata una sconfitta pesante e senza attenuante alcuna, con il contorno del punteggio più alto mai realizzato dall’Australia da quando partecipa al torneo (versione Tri Nations compresa). Per i Wallabies: Cucchiaio di legno evitato. Per i Pumas: una batosta su cui riflettere. A lungo. I numeri dicono tutto. Tre volte Folau e una volta ciascuno: Ashley-Cooper, Tomane, Robinson e Foley hanno varcato palla in mano la linea di meta argentina, confezionando un bottino (54 punti) che dice più e meglio di qualsiasi analisi tecnica quanto ampio sia stato il divario che ha separato le due squadre all’estadio Gigante de Arroyito di Rosario. A salvare l’onore di una squadra di casa che, comunque, ha sempre combattuto e lottato, le mete di Bosh e Landajo.Championship 2013Argentina – Australia 17 – 54  LA CLASSIFICA FINALENuova Zelanda 28, Sud Africa 19, Australia 4, Argentina 2 Giorgio Sbrocco

29
settembre


Championship Four Nations – SA-AUS in numeri. By Giorgio Sbrocco

Un sguardo ad alcuni dei tanti numeri rilevati (fonte: Sanzar) dall’analisi di Sud Africa – Australia di ieri a Newlands. SUD AFRICA - AUSTRALIAMetri percorsi 557 – 316Palloni portati 68 – 45Difesa battuta 17 – 9Passaggi 148 – 100Offloads 9 – 5Turnover concessi 18 – 16Ruck vinti 93 (96%)  – 57 (95%)Placcaggi 80 – 144Placcaggi mancati 9 – 17Maul 10- 1Rimesse Lat. Vinte 100% - 88%Mischie vinte 100% - 67% (3 perse)Calci contro 12  - 14Giorgio Sbrocco

28
settembre


Championship Four Nations – Ripresa senza soprese. Sud Africa vince ma senza bonus. By Giorgio Sbrocco

Sud Africa – Australia 28 – 8 (pt 23 – 3)Marcatori: 6’ cp Lealifano, 9’ cp. M. Steyn, 12’ m. Strauss tr. M. Steyn, 16’ m. Kirchner tr. M. Steyn20’ cp M. Steyn, 32’ cp M. Steyn, 72’ mnt Le Roux, 78’ mnt Sautia Gialli: 29’ Hoopert (Aus), 40’ Van de Merwe (SA), 65’ Vermeulen (SA), 76’ Timani (Aus)Arbitro: Garces (Fra) Dentro Genia nell’Australia per cercare di limitare i danni, se non proprio per invertire l’andamento delle operazioniIL FILM DELLA PARTITA50’ Esce Strauss fra gli appalusi, entra Bismark du Plessis. Tributo anche per lui51’ Grande recupero di Kuridrani su Morne Steyn, Genia calcia lungo e mette pressione. Ma raccoglie poco53’ Bella Australia che con Ben Mowen penetra nel campo sudafricano ben sostenuto da Moore. C’è fallo e Cooper porta i suoi in rimessa a cinque metri. Tentativo di drive senza alcun costrutto: mischia SA57’ Garces sbaglia segnalazione (vantage over) e impedisce ad Habana di filare in meta lungo l’out sinistro. “Scusate, colpa mia”. E si torna a giocare65’ giallo a   Vermeulen per fallo ripetuto. E Australia che getta alle ortiche un lancio in rimessa dentro i 22 in attacco72’ Le Roux servito alla perfezione da  Du Preez marca i primi punti della ripresa sulla bandierina di destra. D’accordo anche il TMO. Fuorio il calcio di Steyn. Una meta per il bonus!75’ Furore Springboks! Vogliono la meta che vale il punto di bonus. Indispensabile in vista della partita della vita fra sette giorni contro gli All Blacks.76’ Garces chiede il TMO per verificare se l’entrata di Timani sull’uomo a terra (e su un suo compagno!) meriti o meno il giallo. Lo merita e lo riceve.78’ tenuto di Kolisi, l’Australia parte a razzo e sugli esiti di un contrattacco che pareva sventato il giovane Sautia raccoglie al volo in crosso di Quade Cooper. Garces chiede al TMO se era in fuori gioco. Le immagini non aiutano. Ma è meta.80’ non c’è tempo pe la quarta meta. In Sud Africa tutti tifano Argentina. E fra sete gironi tutto si deciderà a Johannesburg! Migliori in campo: Du Preez, De Villiers, Kirchner, Mowen, Kuridrani.Giorgio Sbrocco

28
settembre


Championship Four Nations – Con Du Preez in campo è un altro Sud Africa. Sprinboks avanti di 20 al riposo

Sud Africa – Australia 23 - 3Marcatori: 6’ cp Lealifano, 9’ cp. M. Steyn, 12’ m. Strauss tr. M. Steyn, 16’ m. Kirchner tr. M. Steyn, 20’ cp M. Steyn, 32’ cp M. SteynGialli: 29’ Hoopert (Aus), 40’ Van de Merwe (SA)Arbitro: Garces (Fra) Il Sud Africa affidato “chiavi in mano” al “giapponese” Fourie Du Preez cerca a Newlands (quasi tutto esaurito) punti e prestigio in vista dell’ultimo decisivo scontro frontale con la Nuova ZelandaIL FILM DELLA PARTITA3’ Fallo di assetto della prima linea australiana e SA in rimessa dentro i 22. Buon drive ma l’Australia recupera e libera con il piede di White5’ Garces vede un’ostruzione di linea del SA ed è l’Australia a entrare nei 22 con un lancio a favore. Fuori gioco di Vermeullen e Lealifano prova da sinistra dei pali e trova il primo vantaggio di giornata8’ Fallo di Orwill a terra e Morne Steyn spara fra i pali l’ovale del pareggio da quasi 40 metri sulla sinistra della porta australiana. 3 – 312’ fallo australiano dentro i propri 22 e Steyn (due up & under devastanti) manda la palla in rimessa a cinque metri. Partenza radente dentro i 15, palla a Strauss che punta Quade Cooper, non lo trova e vola o9ltre la linea bianca. Steyn non sbaglia ed è + 715’ Sud Africa da antologia: contrattacco dai propri 10 metri da sinistra al terzo canale destro (super passaggio di De Villiers). Tre contro uno e Kirchner firma la seconda meta. Sa + 1419’ fallo australiano (Kuridrani?) in ruck. Morne Steyn ci prova da quasi metà campo e il SA sale a +1728’ scintille dopo un placcaggio su di Hooper su Etzebeth  assolutamente regolare. È il sudafricano che “zompa!”, non l’australiano che lo fa volare! Ma Garces ha capito davvero male e caccia il flanker per 10’. Errore clamoroso e grave!!30’ SA dilagante! Habana placcato a un metro dalla meta lungo l’out sinistro. C’è vantaggio e Garces torna in mezzo ai pali. Morne Steyn non sbaglia. È + 2034’ accenno di “giustizia privata”. Garces concede un calcio all’Australia che allontana la pressione36’ Australia nei pressi dei 22 sudafricani. Ma un in avanti rovina tutto. In campo c’è solo Sud Africa40’ brutto fallo di Van de Merwe su Lealifano (gomitata al volto d’incontro) che l’arbitro francese rileva su indicazione del giudice di linea. Solo giallo. Il rosso ci stava! Giorgio Sbrocco

Rugby Ball