29
giugno


Australia – Halpenny sbaglia a tempo scaduto. Wallabies pareggiano la Serie. By Giorgio Sbrocco

Australia – B&I Lions 16 –  15 (pt 9 – 12)Marcatori:  10’ cp Halpenny, 16’, 23’ cp Leali’ifano, 27’, 32’ cp Halpenny,, 36’cp  Leali’ifano, 39’ , 63’ cp Halpenny, 77’ m. A. Cooper tr. Leali’ifano, Arbitro: Joubert (SA) Warren Gatland non lascia Vunipola negli spogliatoi. È un azzardo. Ma i grandi allenatori, quando serve, sanno anche rischiare. Le prime mischia chiuse dicono che Vunipola continua a non essere all’altezza della situazione. E dicono anche che Adam Jones è molto vicino alla spia della riserva.Al 49’ l’Australia ruba un’introduzione di Ben Youngs con una facilità quasi irridente che preoccupa capitan Warbartun e i suoi.Al termine di una lunghissima azione innescata da un intercetto di Folau su Odriscollo, lo stesso centro irlandesel (53’) mette le mani su una palla a terra. Joubert sostiene che la ruck era già cominciata e concede il calcio.Dentro Murray (54’) per Ben Youngs a comandare la mischia dei Lions. Il nuovo n. 9 si presenta con un recupero su Mowen a terra che frutta un calcio per i suoi.Fuori l’altro Youngs, (57’), tallonatore dei Lions diventa Hibbard. Entra anche Cole. Solo Vunipola ancora in campo. Al 63’ Halpenny allunga a + 6 da metà campo. Sono i primi punti della ripresa. L’equilibrio è assolutoDentro O’Brian che si mette terza centro al posto di Healsip. Invariata la coppia di flankerIn avanti in ricezione di Beale ( 67’) che si mangia un clamoroso miss match con due piloni in mezzo al campo.Esce Warburton (ginocchio) entra Croft al 68’ e passa a fare il 7 in chiusaUltimi 10’!!!I 30mila britannici sulle gradinate intonano canti che profumano di trionfo. Progressione di Folau (72’) che guadagna un calcio a favore davanti ai pali. L’Australia  non piazza e CHIEDE LA MISCHIA ORDINATA!!!Tallonaggio, palla fuori e incrocio sul primo canale. Grande difesa di Murray su Folau e in avanti dell’australiano. Monumentale Murray!!Australia sui cinque metri!! Lions difendono sul punto ma al largo Ashley Cooper trova l’intervallo giusto (77’) e segna la meta del – 1Occhi puntati sulla trasformazione di Leali’ifano. Che non sbaglia e porta avanti l’Australia 16-15Recupero mostruoso di Gill sulla coda della rl lanciata da Hibbard, calcio contro i Lions in attacco!!!Australia in controllo a 60” dalla fine.Tenuto!!!! Lions attaccano al largo. È l’ultima azioneSirena!!Calcio per i Lions sulla linea di metà campo !!!Halpenny piazza per la storia!! CORTOMigliori in campo: Genia, Folau e Leali’ifano per l’Australia; Lydiate, Warburton e J. Davies per i Lions. 1 - 1 come nel 2001 TUTTO SI DECIDERA’ SABATO A SYDNEYGiorgio Sbrocco

29
giugno


Australia – Solo calci nel primo tempo di Melbourne. Vunipola in difficoltà. Cambio tattico? By Giorgio Sbrocco

Australia – B&I Lions 9 - 12Marcatori:  10’ cp Halpenny, 16’, 23’ cp Leali’ifano, 27’, 32’ cp Halpenny,, 36’cp  Leali’ifano, 39’ cp HalpennyArbitro: Joubert (SA) B&I avanti di 3dopo i primi 40’ di una sfida che potrebbe scrivere la storiaIl rugby comincia in prima linea. Quantomeno quello vincente. E i piloni (veramente) forti sono quelli che in chiusa si fanno rispettare. In questi primi 40’ la conferma è venuta dai B&I Lions che, scesi in campo a Malebourne contro l’Australia con Makovina Vunipola sul lato dell’introduzione, hanno dovuto rinunciare (da subito) a servirsi della mischia ordinata come rampa (sicura) di lancio del loro gioco perché dal lato dell’introduzione sono arrivati problemi in quantità industriale. E calci di punizione per falli nella guerra degli assetti. Il primo al 16’,  dopo il vantaggio firmato Halfpenny al 10’, frutta  il pareggio di Leali’ifano, il secondo (23’) il sorpasso.Fortuna dei Lions che “là davanti” c’è anche Alan Jones, che del mestiere della prima linea ha fatto un’arte. È lui (27’) che guadagna il calcio del pareggio che Halpenny non sbaglia, ed è ancora lui, in coppia con il tallonatore Youngs che costringe la prima linea Wallabies a stappare (32’) per il piazzato che l’estremo in maglia rossa non sbaglia.Al 36’ (fuori gioco di Lydiate) Lali’ifano centra i pali da quasi metà campo e riporta le squadre in paritàAl 38’ Owen non libera Healsip (davvero?) placcato all’altezza dei 22 e Joubert concede il calcio ai Lions nei pressi dei 15 a destra dei pali. Halpenny è mostruosamente preciso ed è 12-9 Giorgio Sbrocco

29
giugno


Tags
,

Australia – I prezzi dei biglietti per i Test match con i B&I Lions. By Giorgio Sborcco

Quello sotto riportato è il listino prezzi ufficiale che la federazione australiana ha elaborato per i tre Test match del Tour dei B&I Lions. Ovviamente al netto dei bagarini. Il rapporto dollaro australiano/euro è 0.7. La quota di PIL pro capite dei cittadini australiani (dati Banca mondiale 2011) è di 40.847 USD, corrispondenti a 31.344 euro. Platinum        $295.00Gold              $235.00Silver – Adult $175.00Silver – Concession*** $114.00Silver – Junior** $88.00Silver – Family* $395.00Bronze – Adult $95.00Bronze – Concession*** $62.00Bronze – Junior** $48.00Bronze – Family * $215.00 * 2 adulti + 2 Junior oppure un adulto + 3 Junior** Junior si intende dai 4 ai 16 anni. Sotto i 4 anni di età non si paga ma si deve stare sulle ginocchia di un adulto*** Studenti a tempo pieno, pensionati, anziani, vedove di guerraGiorgio Sbrocco

29
giugno


Lions – John Sexton e il match che scriverà la storia. By Giorgio Sbrocco

Oggi a Melbourne sarà l’irlandese John Sexton, in coppia con l’inglese Ben Youngs a comandare le operazioni e le manovre della corazzata Lions nel secondo Test contro i Wallabies, nel match che potrebbe dare alla Supernazionale britannica quel successo in una Serie che manca dal 1997. “Come tutti, quando smetterò di giocare, anch’io spero di essere ricordato per qualcosa di importante, per qualche obiettivo di prestigio centrato” ha confessato nelle ore di avvicinamento alla partita l’astro nascente di Leinster. “Questa è la mia, la nostra occasione. Se vinciamo la Serie saremo ricordati per sempre. Tutto questo  ci sta…regalando pressione e nervosismo. Ma quando saremo in campo capiremo che si tratta di una partita come tante altre, in qualche misura normale. A non essere normale è la ricompensa che ci aspetta in caso di successo. Non sono in tanti quelli che possono dire di aver vinto una Serie con questa maglia. Riuscirci significa  entrare nei libri di storia. Fra noi c’è chi ha vinto molto con il club, chi è arrivato al Grande Slam, ma nessuno ha mai vinto una Serie come B&I Lions. Brian (O’Driscol, ndr) era in Australia 12 anni fa, ma non è riuscito nell’impresa, Per lui non ci sarà una prossima volta, non potrà ritentare fra 12 anni. Credo che il nostro spogliatoio diventerà qualcosa di…speciale se riusciremo a battere l’Australia!”.Giorgio Sbrocco

29
giugno


Lions – La vigilia dello scozzese Ray Grant. In panchina a un passo dal sogno che si avvera. By Giorgio Sbrocco

Tutto l’orgoglio di esserci e l’obiettivo dichiarato e consapevole di voler entrare nella storia oggi, senza rimandare tutto di una settimana e lasciare decidere le sorti della spedizione dal Test n. 3, nelle dichiarazioni pre partita del pilone sinistro scozzese dei Glasgow Warriors Ryan Grant (27 anni, chiamato in Australia per coprire l’indisponibilità del gallese Gethin Jenkins e dell’inglese Alex Corbisiero) che andrà in panchina insieme ai “nuovi” Sean O'Brien and Conor Murray, a Melbourne nel secondo test fra Lions e Wallabies. “Puntiamo chiaramente alla vittoria. Chiudere la Serie alla seconda partita farà di noi degli eroi. Non siamo certo venuti fin quaggiù per prendere il sole! In squadra c’è un clima fantastico, non ho mai fatto parte di un gruppo più motivato e affamato di vittorie di questo. Abbiamo lavorato duramente con un solo pensiero in testa: vincere e fare la storia. Sappiamo cosa dobbiamo fare e sappiamo di saperlo e di volerlo fare bene”. Aggregato ai B&I solo l’8 giugno e fatto debuttare nel test infrasettimanale con il Combined Country XV, Grant (che ha debuttato con la Scozia nel 2012 proprio in Australia) sta vivendo un momento davvero magico della sua vita: “Ho cominciato a giocare a rugby nel giardino dietro casa con mio padre, avevo due sogni da realizzare, due obiettivi da raggiungere: la maglia della Scozia e giocare almeno un minuto con i B&I Lions. Non ci sono parole per descrivere cosa ho provato nelle ultime settimane. Quando ha saputo della mia convocazione, persino la mia fidanzata Maxime è impazzita di gioia”.Giorgio Sbrocco

27
giugno


Australia – Beale estremo e Tamone all’ala contro i B&I. By Giorgio Sbrocco

Beale estremo e Tamone (secondo cap, stella del XIII neozelandese) all’ala le novità della linea arretrata dell’Australia di Robbie Deans che sabato affronterà all’ Etihad Stadium di Melbourne (tutto esaurito) i B&I Lions. Buone notizie per il centro Leali’ifano (uscito nel match di Brisbane dopo pochi minuti), che farà coppia con Adam Ashley-Cooper. Invariato rispetto a sabato scorso il pacchetto di mischia. AUSTRALIA15. Kurtley Beale (Melbourne Rebels)14. Israel Folau (NSW Waratahs)13. Adam Ashley-Cooper (NSW Waratahs)12. Christian Leali’ifano (Brumbies)11. Joe Tomane (Brumbies)10. James O’Connor (Melbourne Rebels)9. Will Genia (Queensland Reds)8. Wycliff Palu (NSW Waratahs)7. Michael Hooper (NSW Waratahs)6. Ben Mowen (Brumbies)5. James Horwill (Queensland Reds, captain)4. Kane Douglas (NSW Waratahs)3. Ben Alexander (Brumbies)2. Stephen Moore (Brumbies)1. Benn Robinson (NSW Waratahs)In panchina:16. Saia Fainga’a (Queensland Reds)17. James Slipper (Queensland Reds)18. Sekope Kepu (NSW Waratahs)19. Rob Simmons (Queensland Reds)20. Liam Gill (Queensland Reds)21. Nick Phipps (Melbourne Rebels)22. Rob Horne (NSW Waratahs)23. Jesse Mogg (Brumbies)Giorgio Sbrocco

27
giugno


Lions – Per il Test n. 2 Gatland opera tre cambi, due glieli impongono i medici. By Giorgio Sbrocco

L’irlandese Tommy Bowe all’ala, l’inglese Ben Youngs mediano di mischia w il gallese Dan Lydiade in terza (lato chiuso) sono i tre cambi tecnici che Warren Gatland ha operato in vista del secondo Test contro l’Australia in programma sabato a Melbourne. Rispetto al match vinto di misura a Brisbane ci sono anche Geoff Parling in seconda linea e Mako Vunipola, in squadra per sostituire compagni infortunati (O'Connell e Corbisiero).B&I Lions15 Leigh Halfpenny, 14 Tommy Bowe, 13 Brian O'Driscoll, 12 Jonathan Davies, 11 George North, 10 Jonathan Sexton, 9 Ben Youngs, 8 Jamie Heaslip, 7 Sam Warburton (c), 6 Dan Lydiate, 5 Geoff Parling, 4 Alun Wyn Jones, 3 Adam Jones, 2 Tom Youngs, 1 Makovina Vunipola.In panchina: 16 Richard Hibbard, 17 Ryan Grant, 18 Dan Cole, 19 Tom Croft, 20 Sean O'Brien, 21 Conor Murray, 22 Owen Farrell, 23 Alex Cuthbert.Giorgio Sbrocco

26
giugno


Lions - Neil Jenkin: “I nostri calciatori? I migliori al mondo”. By Giorgio Sbrocco

Il rugby, a qualsiasi livello venga giocato, resta un gioco semplice. “Mentre i calciatori dell’Australia hanno mancato di precisione nei momenti topici della partita, il piede destro del nostro Halpenny ha chiuso gli 80’ con un rassicurante 5 su 6”. Parole (e musica, che non si sente ma c’è) di Neil Jenkin, uno che di punti fatti coi piedi e di partite vinte dalla piazzola ne sa e ne capisce parecchio. Alla vigilia del Test n. 2 di sabato con i Wallabies Jenkin, che è nello staff di Warren Gatland proprio per occuparsi dei calciatori, trova il modo di premiare gli specialisti Leigh Halfpenny, Owen Farrell, Jonathan Sexton e Stuart Hogg “che al momento hanno una percentuale di realizzazione di poco inferiore a’l'86% con 55 centri su 64 tentativi”. Fra tutti il migliore è l’estremo gallese “che ne ha segnati 27 su 29, indipendentemente dalla distanza e dall’angolazione dai pali (Farrell è a 18/19, ndr)”. Parlando con Bryn Palmer di BBC Sports Jenkin non usa giri di parole: “Siamo fortunati ad avere a disposizione simili calciatori. Attualmente essi rappresentano il meglio del meglio a livello mondiale”. Pochi dubbi anche circa i grandi sistemi: “In genere sono i calciatori che vincono o perdono i Test match”. Sul suo connazionale e pupillo che segue anche quando rappresenta il Galles in quanto tecnico dei calciatori: “ Leigh (Halfpenny, ndr) è nervoso e sente molto la responsabilità del ruolo. Ma per un ragazzo della sua età occorre ammettere che ha compiuto progressi e imprese davvero notevoli”.Giorgio Sbrocco

26
giugno


Australia – McCabe infortunato. Di giocare se ne riparla fra un anno. Forse. By Giorgio Sbrocco

Più si alza il livello della competizione più i rischi di infortuni “importanti” purtroppo aumentano. Non è così in tutte gli sport di squadra (anche perché più si alza il rango più, in proporzione, si  alza il livello delle garanzie che afferiscono all’indotto: ci si allena meglio e meglio si viene curati) ma nel rugby si tratta di una legge scritta sulla pietra. L’ultimo a confermarne la validità è il centro dell’Australia e dei Brumbies Pat McCabe, entrato a partita in corso a Brisbane (in sostituzione di un compagno a sua volta infortunato) nel Test contro i B&I e uscito per un colpo al rachide cervicale. Per lui, nell’ordine: Test con i Lions finiti, niente Super Rugby e niente Championship Four Nations. “Non voglio dire che la sua carriera sia finita, ma sicuramente l'osso fratturato dovrà venir sistemato al 100% prima che possa tornare in campo” ha sentenziato il responsabile dello staff medico della Nazionale australiana. McCabe ha 25 anni e un grande futuro nel rugby internazionale di alto livello. Perlomeno: lo aveva.Giorgio Sbrocco

24
giugno


Lions – Anche Corbisiero out. Al suo posto arriva Tom Court. By Giorgio Sbrocco

Gode la Qantas. O la British Airways. Certo che questo Tour dei Lions 2013 passerà alla storia per il numero davvero inusitato di “chiamate di emergenza” che continuano a susseguirsi per defezioni più o meno definitive registrate dall’armata britannica di Warren Gatland. Dopo la seconda linea Pau O’Connell (frattura al braccio), è fuori per infortunio Alex Corbisiero (anch’egli chiamato dall’Argentina dove si trovava con l’Inghilterra) a Tour iniziato. Per evitare sorprese (e per non rischiare in gara 2 sabato)  il tecnico neozelandese ha convocato l’irlandese Tom Court (nativo di Brisbane, gioca con l’Ulster in Pro 12 ed è in vacanza in Australia) per andare in panchina domani a Melbourne contro i Rebels. Le buone notizie riguardano il recupero dell’ala dell’Irlanda Tommy Bowe, la cui presenza nel secondo Test (in campo o in panchina) viene data quasi per certa.Giorgio Sbrocco

Rugby Ball