12
dicembre


Petrarca – Arrriva dall’Argentina il pilone Acosta. By Giorgio Sbrocco

Arriva dall’Argentina e più precisamente dalla provincia di Tucuman la soluzione dei problemi in prima linea del Petrarca di Andrea Moretti. Con Furia in procinto di andare sotto i ferri per un problema alla schiena (in campo fra 4/5 mesi), Mercanti fermo per problemi al ginocchio fino a gennaio , Staibano ancora in fase di recupero, Leso e Novack non al meglio della condizione, il club del presidente è corso ai ripari e ha ingaggiato il 21enne Romulo Acosta, che può ricoprire entrambi i ruoli di pilone, proveniente dal Los Tarcos, con alcune presenze nella rappresentativa regionale che ha recentemente vinto il campionato argentino battendo in finale Rosario. “E’ un giocatore di passaporto italiano che arriva in prova fino alla fine di gennaio e che se poi si inserirà  bene nel gruppo rimarrà naturalmente fino alla fine della stagione. Avevamo  bisogno di un uomo di prima linea, reparto dove siamo colpiti da molti  infortuni” ha dichiarato il ds del club padovano Corrado Covi. Acosta è atteso a Padova in serata. Giorgio Sbrocco

10
dicembre


Argentina – Pacific cup, Super Rugby e stop all’ emigrazione. By Giorgio Sbrocco

Dal 2016 potranno vestire la maglia dei Pumas solo giocatori in attività entro i confini dell’Argentina. Una rivoluzione. Pare che sia questo il futuro del rugby argentino, con il corollario di almeno un paio di franchigie che disputeranno il Super Rugby, la conferma del Championship - Four Nations e la novità della Pacific Cup. I tempi sono molto ristretti: ci sono i giocatori da mettere sotto contratto per il Mondiale 2015 e il nodo dell’affollamento del Super Rugby (sono già in 15, come faranno in 17 o in 18 a non fare i due gironi?) da risolvere. A occhio e croce la data del 2016, ad andar bene, sarà un inizio teorico, con un congruo periodo di adattamento concesso. Staremo a vedere. Certo che il Top14 e la Premiership senza argentini sono destinati a diventare una sezione staccata del Sud Pacifico. O del Galles. Giorgio Sbrocco

23
novembre


Italia – Argentina avanti di 1. Allarme Italia nelle fasi statiche. By Giorgio Sbrocco

ITALIA – ARGENTINA 9  - 10 Marcatori: 5’ , 17’ cp Allan, 21’ m. Imhoff tr. Sanchez, 25’ cp Allan, 34’ cp Sanchez Italia: 15 Luke McLean, 14 Giovambattista Venditti, 13 Michele Campagnaro, 12 Gonzalo Canale, 11 Tommaso Iannone, 10 Tommaso Allan, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Robert Barbieri, 6 Alessandro Zanni, 5 Valerio Bernabo, 4 Quintin Geldenhuys, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Michele Rizzo In panchina: 16 Davide Giazzon, 17 Matias Aguero, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Marco Bortolami, 20 Joshua Furno, 21 Tobias Botes, 22 Luciano Orquera, 23 Tommaso Benvenuti   Argentina: 15 Joaquín Tuculet, 14 Lucas González Amorosino, 13 Horacio Agulla, 12 Gabriel Ascárate, 11 Juan Imhoff, 10 Nicolás Sánchez, 9 Martín Landajo, 8 Benjamín Macome, 7 Julio Farías Cabello, 6 Juan Manuel Leguizamón, 5 Mariano Galarza, 4 Manuel Carizza, 3 Maximiliano Bustos, 2 Eusebio Guiñazú, 1 Marcos Ayerza In panchina: 16 Santiago Iglesias Valdez, 17 Nahuel Lobo, 18 Matías Díaz, 19 Tomás Lavanini, 20 Pablo Matera, 21 Tomás Cubelli, 22 Javier Rojas, 23 Santiago Cordero   Arbitro: Chris Pollock (NZ) Gialli - -   IL FILM DELA PARTITA 1’ Mischia Argentina dopo un in avanti azzurro su box di Landajo da calcio di invio. Pumas perfetti per assetto e conquista senza tallonaggio. 2’ Buco di Imhoff radente un punto d’incontro a metà campo  ben coperto da McLean che libera. TROPPO FACILE!! 4’ Mischia Italia, Castrogiovanni crea problemi a Ayerza e conquista un calcio. Ci prova Allan da poco meno di 40 metri a destra dei pali. Palo e dentro! Italia 3-0 7’ Gori male di piede da una rimessa vinta nei 22.  Lancio Argentina: lungo e poi fuori. Pumas nei 5 metri. Buona difesa azzurra. Castro ruba a terra!! Ma perdiamo il possesso. Lunghissima sequenza che Iannone blocca con un mark 10’ Super pedata di McLean che riporta il gioco nella metà campo argentina sui 10 metri. Lancio storto di Guinazu, mischia Italia ma assetto dominato dai Pumas. 13’ Landajo penetra nella difesa italiana. Troppo facilmente! Pick and drive in serie fino al fallo in attacco che arriva puntuale (bravo Castrogiovanni!). Ancora Allan sulla piazzola di tiro, poco più di 40 metri dai pali. Fuori a sinistra, mal calciato. 15’ Errore grave di McLean che spara fuori un punt che doveva essere si occupazione e di avanzamento. Pollock punisce un velo (involontario) argentino con un calcio. Eccessivo. 17’ Drive azzurro da rimessa laterale. Palla fuori (su vantaggio per noi), Gori a Parisse che si prende un placcatone frontale che un po’ lo innervosisce. Scintille, qualche schiaffone . L’arbitro chiama a rapporto i capitani. Calcio (già accordato) per l’Italia dall’angolo sinistro sui 30 metri. Ancora Allan ed è 6-0 L’ARGENTINA DOMINA MA I PUNTI LI FACCIAMO NOI: BUON SEGNO. SE DURA. 20’ Disastro Argentina in rimessa laterale. Guinazu da fucilazione! 21’ Parte Macome dalla base della mischia, batte Zanni e innesca l’azione che porta Imhoff al largo a schiacciare sulla bandierina sinistra. Bene Sanchez per la conversione ed è sorpasso Pumas. Italia  - 1 24’ Lancio di Ghjiraldini dentro i 22 a sinsitra. Si prova il drive, poi fuori con  Barbieri e Geldenhuys fin dentro i 5 metri. Calcio contro l’Argentina. Parisse parte ma non rispetta il punto. Allan preferisce calciare e ci riporta avanti. Italia 9-7 26’ Campagnaro spreca  un vantaggio molto favorevole dopo un in avanti argentino. Mischia per noi. Ayerza abbassa e Castro tiene. Bel duello! Reset. Rubata!!! ALLARME 28’ Argentina gioca un calcio veloce e trova una rimessa molto dentro i nostri 22 a destra. 29’ Rimessa argentina sui 22, troppo profondo McLean per allontanare decentemente. Italia ruba palla (sacking da manuale!) sul tentativo di drive.  30’ Drive Argentina da rimessa rubata in saltoma (ancora) calci contro per ostruzione (stavolta c’era) 32’ altra rimessa rubata su lancio di Ghiraldini 33’ Chip di Allan dietro la linea argentina. Controcalcio di liberazione e fallo Italia in sostegno a Campagnaro che tenta di contrattaccare dentro i propri 22. Sanchez piazza da posizione centrale ed è sorpasso Argentina: 10-9 36’ Altra rimessa rubata all’Italia. SONO GIA’ TRE: TROPPE 37’ Fallo di Ayerza a terra su Geldenhuys. Allan cerca i pali da quasi 50 metri sulla sinistra della porta: corto di poco. 38’ Calci odi rinvio con giocatori davanti al calciatore. Mischia Italia. Era un drop molto lungo ma… 39’ Ayerza crocifigge Castrogiovanni ma non basta: è calcio contro di noi su introduzione nostra.  ALTRO PESSIMO SEGNALE 40’ Guinazu penalizzato per lancio storto. Mischia Italia a tempo scaduto. Rotazione illegale dell’Argentina (boh…). A caval donato… Allan ci prova da metà campo: corto. Fine primo tempo Giorgio Sbrocco  

23
novembre


Italia – Sfida sotto la pioggia all'Olimpico. By Giorgio Sbrocco

Piove su Roma e il fondo dell’Olimpico promette poco di buono quanto a tenuta e a sicurezza degli appoggi. Per il giovane Tommaso Alla un debutto che più probante e difficile non si poteva immaginare, per l’Argentina un numero assai elevato di assenti eccellenti e una striscia di 8 sconfitte consecutive da interrompere. Spalti non gremiti ma i botteghini on line hanno detto del record di incasso per le sfide fra Azzurri e Pumas. Facile non sarà di sicuro. Non lo è mai stato. L'ultima vittoria casalinga la ottenemmo a Piacenza e c'era ancora la lira. Forza ragazzi! Giorgio Sbrocco

22
novembre


Italia – Pumas e Azzurri in Vaticano. Papa Bergoglio: “Rugby sport simpatico”. By Giorgio Sbrocco

Italia e Argentina sono state ricevute stamattina in udienza da papa Francesco in Vaticano. Al pontefice sono state regalate le maglie delle due squadre. Papa Bergoglio, notoriamente appassionato della palla rotonda e tifoso del San Lorenzo ha definito il rugby: “Uno sport simpatico”.  Questo il testo del saluto di papa Francesco alle due delegazioni "Cari amici, vedo con piacere che tra Italia e Argentina ci sono diversi incontri sportivi! Questo è buon segno, segno anche di una grande tradizione che continua tra queste due Nazioni. Vi ringrazio di essere venuti a salutarmi, con l’aiuto del Signor Ambasciatore, e anche dell’iniziativa caritativa che avete preso. Il rugby è uno sport molto simpatico, e vi dico perché lo vedo così: perché è uno sport duro, c’è molto scontro fisico, ma non c’è violenza, c’è grande lealtà, grande rispetto. Giocare a rugby è faticoso, non è una passeggiata! E questo penso che sia utile anche a temprare il carattere, la forza di volontà. Un altro aspetto che risalta è l’equilibrio tra il gruppo e l’individuo. Ci sono le famose “mischie”, che a volte fanno impressione! Le due squadre si affrontano, due gruppi compatti, che spingono insieme uno contro l’altro e si bilanciano. E poi ci sono le azioni individuali, le corse agili verso la “meta”. Ecco, nel rugby si corre verso la “meta”! Questa parola così bella, così importante, ci fa pensare alla vita, perché tutta la nostra vita tende a una meta; e questa ricerca è faticosa, richiede lotta, impegno, ma l’importante è non correre da soli! Per arrivare bisogna correre insieme, e la palla viene passata di mano in mano, e si avanza insieme, finché si arriva alla meta. E allora si festeggia! Forse questa mia interpretazione non è molto tecnica, ma è il modo in cui un vescovo vede il rugby! E come vescovo vi auguro di mettere in pratica tutto questo anche fuori dal campo, nella vostra vita. Ma anche voi pregate per me, perché anch’io, con i miei collaboratori, facciamo una buona squadra! Grazie, e che domani sia una bella partita!" Giorgio Sbrocco

18
novembre


IRB – NZ e SA in fuga. Italia e Argentina sabato per un posto nella Top ten. By Giorgio Sbrocco

Nuova Zelanda e Sud Africa in fuga nel ranking Irb dopo il secondo giro di Test match di novembre. Inghilterra ancora prima delle europee e Galles che sale al sesto posto superando l’Irlanda.  Per quanto riguarda gli Azzurri: i numeri confermano che sabato a Roma è in palio il posto n.10. Ranking IRB1 New Zealand - 93.812 South Africa - 88.773 England - 85.704 Australia - 85.655 France - 81.446 Wales - 80.987 Ireland - 79.338 Samoa - 79.249 Scotland - 76.9910 Argentina - 75.2311 Italy - 74.3412 Tonga - 73.21 13 Fiji - 72.8714 Giappone - 71.7215 Canada - 70.40 Giorgio Sbrocco

17
novembre


Argentina – I 24 convocati per l’Italia a Roma. By Giorgio Sbrocco

Sabato a Roma c’è Italia – Argentina. E, prima, l'udienza dal santo Padre Francesco. Sul verde dell'Olimpico in palio ci sarà il decimo posto nel ranking Irb e una bella fetta di prestigio internazionale. Materia prima di cui entrambe hanno bisogno come il pane e che ultimamente, sia in Italia sia in Argentina, scarseggia. Sarà una sfida fra squadre alla ricerca di un risultato fondamentale per il prosieguo della stagione. Comunicati oggi i nomi dei 24 Pumas prescelti.ArgentinaHoracio Agulla, Gabriel Ascarate, Marcos Iván Ayerza, Maximilano Bustos, Manuel Carizza, Santiago Cordero, Tomas Cubelli, Matias Diaz, Julio Alfredo Farias Cabello, Mariano Galarza, Lucas Gonzalez Amorosino, Eusebio Guinazu, Santiago Iglesias Valdez, Juan José Imhoff, Martin Landajo, Tomas Lavanini, Juan Manuel Leguizamon, Nahuel Lobo, Benjamín Macome, Pablo Matera, Matías Moroni, Javier Rojas, Federico Nicolás Sanchez, Joaquín Tuculet.Giorgio Sbrocco

16
novembre


Galles – Pumas travolti a Cardiff. By Giorgio Sbrocco

Partita senza storia al Millenium stadium di Cardiff. Troppo forte il Galles di Warren Gatland (4 mete) per questa Argentina capace sol od i(provare a) limitare i danni ma oggettivamente scadente quanto a consistenza offensiva. Galles – Argentina 40 - 6 Marcatori: 5' cp. Halfpenny, 8' m. Phillips tr. Halfpenny, 17' cp. Halfpenny, 23' m. North tr. Halfpenny, 28' cp. Sanchez, 40' cp. Halfpenny, 43' cp. Halfpenny, 50' cp. Sanchez, 55' m. Faletau tr. Halfpenny, 66' m. Owens tr. Halfpenny  Arbitro: John Lacey Giorgio Sbrocco

15
novembre


Argentina – A Cardiff debutta il “piccolo” Santiago Cordero. By Giorgio Sbrocco

Parte con il 19enne  Santiago Cordero (in patria ne parlano come di una sta di prima grandezza) all’ala il ct dei Pumas Hourcade che sabato a Cardiff tenterà di ripetere l’impresa che un anno fa riuscì al suo predecessore Phelan di espugnare il Millenium. Oltre a Cordero (misure minuscole, modello  Shane Williams, in apparenza inadatte al rugby di alto livello…), rispetto alla sconfitta di Twickenham, dentro: di Manuel Carizza in seconda linea, Martin Landajo mediano di mischia e Joaquín Tuculet estremo. ARGENTINA 15 Joaquín Tuculet, 14 Horacio Agulla, 13 Marcelo Bosch, 12 Santiago Fernández, 11 Santiago Cordero, 10 Nicolás Sanchez, 9 Martin Landajo, 8 Juan Manuel Leguizamón, 7 Julio Farias Cabello, 6 Pablo Matera, 5 Patricio Albacete, 4 Manuel Carizza, 3 Maximiliano Bustos, 2 Eusebio Guiñazú, 1 Marcos Ayerza In panchina: 16 Santiago Iglesias Valdez, 17 Nahuel Lobo, 18 Matías Díaz, 19 Tomás Lavanini, 20 Leonardo Senatore, 21 Tomas Cubelli, 22 Gabriel Ascárate, 23 Lucas González Amorosino Giorgio Sbrocco

09
novembre


Inghilterra – Battuta l’Argentina. Ashton torna a segnare. By Giorgio Sbrocco

Le mete di Launchbury, Twelvetrees, Morgan e Ashton (finalmente!) fanno grande l’Inghilterra di Stuart Lancaster che a Twickenham batte una combattiva Argentina esibendo buon gioco e grande consistenza organizzativa. Per i Pumas: calci di Sanchez e di Bosh.Inghilterra – Argentina 31 - 12Marcatori: 5' cp. Farrell, 7' cp. Sanchez, 12' m. Launchbury tr. Farrell, 17' cp. Bosch, 20' m. Twelvetrees tr. Farrell, 33' m. Ashton tr. Farrell, 45' cp. Sanchez, 55' cp. Sanchez, 77' m. Morgan tr. Farrell Giorgio Sbrocco

Rugby Ball