AVIVA PREMIERSHIP – La classifica si accorcia. Play off ancora tutti da decidere. In coda Newcastle chiama Stringer per il miracolo. By Giorgio Sbrocco

Turno ricco di risultati fuori pronostico il 16esimo dell’Aviva Premiership inglese che, a sei turni dalla conclusione della stagione regolare, non ha ancora fornito indicazioni certe sui nomi delle quattro semifinaliste che si contenderanno il titolo di campione d’Inghilterra attualmente detenuto dalle Tigri di Leicester del pilone azzurro Martin Castrogiovanni. Le sconfitte (entrambe con bonus difensivo) di Harlequins e Saracens hanno considerevolmente accorciato la classifica, permettendo a Northampton e Leicester di avvicinarsi alla vetta. Non ancora fuori dai giochi sono inoltre Gloucester, Sale e la matricola Exeter, racchiuse nello spazio di un solo punto a quota a cinque e a quattro lunghezze dalla quarta. In coda resta grave la situazione di Newcastle, ultimo a sei punti dai Wasps, che ha annunciato l’ingaggio fino alla fine della stagione del mediano di mischia irlandese Peter Stringer (reduce da un prestito di due mesi con la maglia Saracens). La missione (impossibile) affidata al piccolo grande uomo di Munster si chiama salvezza. Sale Sharks - London Wasps 46-34Troppa la differenza di caratura tecnica e di consistenza a favore degli uomini di Nick Macleod (16  punti di piede) che superano abbastanza agevolmente le Vespe londinesi giunte alla loro nona sconfitta consecutiva in campionato. Tre mete nel primo tempo firmate da Sam Tuitupou (2) e Dwayne Peel e altrettante nella ripresa a opera di Andy Powell, Johnny Leota e Rob Miller rendono ininfluente ai fini del risultato la reazione degli ospiti che vanno due volte in meta con Joe Simpson nei minuti finali. Worcester Warriors - Saracens 16-11Il sogno dei Saracens di salire fino in cima alla classifica generale si è spento nella notte magica  di Worcester grazie a una prestazione praticamente perfetta degli uomini di Errie Claassens, capaci di non perdere lucidità e rigore tattico sotto 8-0 dopo la partenza a razzo dei londinesi, in meta con l’ala Tagicakibau dopo 9’ e a segno dalla piazzola con l’estremo Goode al quarto d’ora. Al riposo in vantaggio di un punto (fantastica la meta del centro Grove allo scadere), i Warriors hanno esibito nel secondo tempo una prestazione difensivi ai limiti della perfezione e grazie a due centri di Andy Goode (11 il suo personale bottino di giornata) hanno incassato la vittoria meno pronosticata della giornata. Leicester Tigers v Newcastle Falcons 42-15Partita già chiusa alla fine del primo tempo (23-3) in favore delle Tigri tricolori che contro il fanalino di coda Newcastle hanno esibito scampoli di grande rugby, con Thomas Waldrom in forma strepitosa due volte in meta. A segno anche Agulla, Salvi, Morris e Twelvetrees. Da segnalare i 12 punti di piede del 19enne George Ford schierato all’apertura  Exeter Chiefs v Bath 9-12La matricola Exeter si arrende di misura al Bath nella battaglia dei calci piazzati, andata in scena al Sandy Park davanti a 10 mila spettatori, al termine di 80’ di costante equilibrio e di rugby molto chiuso. Per i padroni di casa, che non vincono con Bath dal 1978, è la quarta sconfitta fra le mura amiche. Quattro (l’ultimo a 10’ dalla fine) i palloni mandati fra i pali dal numero 10 di Bath Tom Heathcote, uno più del suo omologo Ignacio Mieres Gloucester - Harlequins 29-23Non sono bastate due mete dell’estremo Ross Chisholm e 13 punti dell’apertura Nick Evans agli Harlequins primi della classe per evitare la sconfitta nella tenuta trasferta di Gloucester. Padroni di casa avanti 21-13 all’intervallo, in meta con l’estremo May, con l’ala Sharples e con il roccioso flanker Akapusi Qera. Il resto dal piede del mediano Burns London Irish  - Northampton Saints 23-30 (18-11)Illudono e si illudono i London Irish (avanti 18-11alla fine del primo tempo) che alla fine si arrendono ai più concreti ed efficaci Saints autori di tre mete nella ripresa. Decisiva la segnatura del panchinaro Nutley al 77’ (trasformata da Lamb), dopo che le marcature di Watson e Diggin (Northampton) e quella firmata da Danaher (Irish) avevano portato le squadre in parità a tre minuti dal fischio finale. Padroni di casa a segno con l’estremo Delon Armitage, l’ala Sailosi Tagicakibau e Adrian Jarvis che infila otto punti fra i pali Classifica: Harlequins 56; Saracens 50; Northampton 46; Leicester Tigers 45; Gloucester 41; Exeter, Sale 40; London Irish 35; Bath 34; Worcester 31; London Wasps 23; Newcastle 17. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Rugby Ball