07
aprile


AMLIN CUP – TOLONE ASFALTA GLI HARLEQUINS E VOLA IN SEMIFINALE CON PARIGI. O'SHEA: "NIENTE SCUSE, TROPPO FORTI", by Giorgio Sbrocco

Top 14 – Avvia Premiership 2-0. Un SuperWilko in versione “perfezione al potere”, autore di 17 punti (6/6) e di una condotta di gara magistrale, fino al momento della sua uscita per infortunio (sostituito alla piazzola dall’australiano Giteau), trascina (meglio sarebbe dire: conduce per mano) Tolone nel secondo quarto di finale di Amlin cup giocato e vinto 37-8 allo stade Mayol (12.500paganti) contro gli Harlequins, prima forza del campionato inglese e detentori del titolo, scesi in campo senza Robshaw e senza l’apertura Evans infortunati.  Partita intensa ma agonisticamente senza storia, subito nel controllo della formazione transalpina. Primo tempo con i padroni di casa avanti 22-3 (meta del mediano di mischia Tillous Border) e ripresa impreziosita dalle mete dell’estremo Lapeyere e dal flanker (ex London Irish) Armitage. Inutile ai fini del risultato la (bella) meta di Dannie Care al 76’ su calci odi punizione giocato veloce. Connor O’Shea, manager dei Quins a fine gara: Niente da dire, nessuna scusa da accampare, comprese le nostre due assenze. Abbiamo perso nettamente contro una squadra che ha lasciato in panchina gente del calibro di Bakkies Botha e Simon Shaw, a dimostrazione di quanto straordinariamente forte sia la rosa di giocatori di cui dispone. Forse noi abbiamo pagato la stanchezza del campionato, ma quello che ha fatto Tolone sul campo è la dimostrazione che i francesi meritano la di andare avanti”. La prima semifinale di Amlin sarà quindi tutta francese fra Tolone e i parigini dello Stade Fancais di Sergio Parisse che hanno eliminato Exeter. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

PREMIERSHIP – STADI PIENI E BIGLIETTI INTROVABILI. E’ GIA’ TUTTO ESAURITO IL WELFORD ROAD PER LEICESTER-BATH DEL 5 MAGGIO! By Giorgio Sbrocco

Stadi sempre più pieni nella Premiership inglese. Dopo fantastico record mondiale per partite di club realizzato a Wembley in occasione di Harlequins-Satracens di sabato scorso con 83270 paganti, ieri, con un mese di anticipo sull’evento, i Leicester Tigers hanno comunicato ufficialmente il sold out del Welford road per l’ultima partita di campionato contro Bath in programma il 5 maggio. Un match, è bene specificare, che probabilmente  non avrà alcuna ricaduta di un certo interesse sulla classifica o sulla lotta per i play off, essendo Leicester (a tre giornate al termine della regular season) terzo e quasi certo dell’accesso alle semifinali e Bath ottavo, distanziato di 21 lunghezze. Prima di chiudere la stagione regolare in casa, Leicester affronterà due trasferte: la prima a Northampton (che ha già annunciato il tutto esaurito), la seconda a Londra in casa degli Harlequins (che sul loro sito hanno invitato i tifosi ad affrettarsi per non rischiare di dover rimanere a casa). Entrambe le partite saranno comunque disponibili per i tifosi delle Tigri (20 mila spettatori la media in stagione per il club del nostro Martin Castrogiovanni) sul maxi schermo installato all’interno del bar di Welford road. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo

05
aprile


PREMIERSHIP –NUOVO STADIO PER I SALE SHARKS. DIAMOND: “STA NASCENDO IL SUPER CLUB DEL NORD!”. By Giorgio Sbrocco

Cambiano casa I Sale Sharks. Ieri, infatti, è stato ufficializzato il trasloco dal Edgeley Park di Stockport (sudest di Manchester, dove hanno disputato le ultime nove stagioni) al City stadium di Salfort (a ovest del capoluogo, 12mila posti la capienza), che diventerà operativo dalla stagione 2012-2013. Si tratterà, a tutti gli effetti, di una coabitazione con i Salford City Reds Rugby League Club che giocano nel campionato a XIII. Il passaggio di residenza ufficiale avverrà in agosto, e per l’occasione è stata organizzata un’amichevole di lusso con il Leinster. Dal momento della partenza degli Sharks, l’impianto dell’Edgeley Park diventerà sede esclusiva della squadra di calcio del Stockport County che milita in Conference National (quinta divisione). Il contratto stipulato fra il club (attualmente al settimo posto in Premiership) e la municipalità di Stockport, ha la durata di 25 anni. Ian Blackhurst, comproprietario degli Sharks ha entusiasticamente commentato il cambio di sede dicendosi convinto che “le magnifiche strutture del nuovo impianto aiuteranno la squadra a diventare una delle migliori d’Europa, oltre che attirare molti più tifosi e sponsor. Ovvio che – ha precisato – più aumenta il numero dei nostri tifosi, più potremo investire nella squadra e nel nostro programma di sostegno al club”. Il Chief Executive degli Sharks Steve Diamond si è soffermato sulle misure del nuovo terreno di gioco (più lungo e più largo rispetto al vecchio Edgeley Park: “Finalmente potremo esibire quel rugby veloce e di grande movimento che è nei nostri piani tattici e che costituisce l’obiettivo della squadra. Stiamo costruendo un Super club del Nord, E uno stadio all’altezza è componente vitale di un tale progetto”. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo  

PREMIERSHIP – DALLA CORNOVAGLIA ARRIVA A GLOUCESTER IL CENTRO LOCKE. By Giorgio Sbrocco

Arriva dalla Cornovaglia, dove  ha giocato fino a gennaio  con la maglia dei Coharnish, prima di fermarsi per la frattura della clavicola, il primo acquisto dl Gloucester di coach Bryan Redpath (attualmente ottavo in Premiership a 13 punti dalla zona play off)  in vista della parte finale della stagione agonistica. Si tratta del 25enne centro Drew Locke che, nei piani del tecnico, dovrebbe dare un fondamentale contributo all’efficacia compolessiva del gioco della linea arretrata. “Andare a Gloucester é per me una grande opportunitá” ha commentato l’interessato, che aveva cominciato il campionato 2011/2012 con la maglia dei Chiefs di Exeter, prima di essere tagliato e girato ai Pirates. “Drew ha avuto un’ottima stagione in Cornovaglia – ha commentato Bryan Redpath  - e con noi avrá l’occasione di giocarsi una carta importante per la sua carriera. Si tratta di una, fondamentale per lui, seconda opportunità di metetrsi in luce ad alto livello. Sono certo che non se la farà scappare”. Gloucester  affronterá nelle ultime tre giornate di campionato: Newcastle, Sale e London Irish in trasferta. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo

PREMIERSHIP – GEECH NON PROLUNGA. A FINE STAGIONE PANCHINA NUOVA PER BATH. By Giorgio Sbrocco

Sir Ian McGeechan (British & Irish Lion Head Coach nel 1989, 1993, 1997, 2009) lascerà Bath, dove ricopre il ruolo di responsabile tecnico (Director of Rugby) dal 2010, a partire dalla prossima stagione. La conferma è arrivata ieri dalla proprietà del club che ha escluso estensioni del contratto biennale vicino alla scadenza. Il nome del successore di "Geech" (questo il nickname con cui l’ex internazionale scozzese nativo di Leeds è conosciuto nel mondo ovale) sarà reso noto nel corso dell’estate. “È stato bello far parte di questo club e guidare il “cambio culturale” che si è concretizzato in questi ultimi 18 mesi" . ha dichiarato McGeechan. "Sarò al mio posto sulla panchina del Bath per la parte conclusiva del campionato” ha conlcuso. Il Bath occupa attualmente l’ottavo posto in Aviva Premiership (8/11) a quota 39 punti. Lontano (17 punti) dalla zona play off. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo

PREMIERSHIP: ENTRA IL PIAZZATO DI DALY AL 79’, I WASPS BATTONO GLOUCESTER E SONO QUASI SALVI. By Giorgio Sbrocco

Un piazzato sparato fra i pali  del centro Eliot Daly a meno di un minuto dal termine dell’incontro con Gloucester, regala ai Wasps la vittoria (26-24) nel posticipo dell’Adams Park  e quattro punti che, molto probabilmente, consentiranno alla formazione londinese allenata da Dai Young, di restare in Premiership a scapito dei Newcastle Falcons che ieri avevano battuto Sale al Kingstone Park. Attualmente i Wasps occupano la penultima posizione in classifica generale a quota 31 punti, 8 più di Newcastle dodicesimo , quattro meno di Worcester e a sei di distanza dai London Irish. Per le Vespe: mete di Southwell e Berry , più 13 punti di Robinson dalla piazzola, prima del calcio decisivo di Daly. Tre le mete del Gloucester, firmate Sharples, Lawson e Akapusi Qera cui Burns ha aggiunto 9 punti di piede. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo   

PREMIERSHIP – GLI HARLEQUINS SI IMPONGONO SUI SARACENS A WEMBLEY E CONSOLIDANO IL PRIMATO. PUNTI-SPERANZA PER NEWCASTLE CHE SUPERA BATH. EXETER A FATICA SUGL I EXILES, TIGRI FACILE SU WORCESTER. By Giorgio Sbrocco

Gli Harlequins battono i Saracens (24-19) e si confermano in testa alla classifica generale a quota 66. Il protagonista della XIX giornata di regular season della Aviva Premiership è stato comunque il pubblico di Wembley, accorso in massa per assistere a una partita che quanto a intensità e a livello del gioco espresso, non ha tradito le attese. Sugli spalti dell’impianto londinese  erano 83.671 gli spettatori paganti. Record assoluto per una partita di rugby giocata sul suolo britannico. Battuto il precedente primato  di 82.208 unità che risaliva alla semifinale 2009 di HC fra Leinster e Munster disputata a Dublino. Gli Harlequins, che per effetto di tre gialli in sequenza subiti fra il 62’ (Marler), il 70’ (Care) e il 79’ (Easter) hanno giocato l’ultimo quarto in costante inferiorità numerica, hanno marcato tre mete con Turner-Hall, Lowe  e Care, cui si sono aggiunti 9 punti dai piedi di Evans e Clegg. Per i Sarries padroni di casa: meta di Wigglesworth e 11 punti del cecchino Owen Farrell. Vittoria secondo pronostico e più larga del previsto nelle dimensioni (43-13) , per le Tigri di Leicester a Welford road sul Worcester. Decisivo (il punteggio era a quale momento sul 10-3)  il rosso subito  al 35’  dall’ex  Andy Goode per placcaggio irregolare su Tom Croft . Grazie alla vittoria, la sesta nelle ultime sette giornate, Leicester affianca (60 punti) i Saracens al secondo posto.  Importante successo di Exeter (18-11) sui London Irish (in serie negativa da sei turni) che vale alla formazione del Devon la quarta piazza (provvisoria) a quota 53 e rende plausibile la prospettiva play off. Traguardo di cui, alla vigilia del campionato, nessuno accreditava la squadra di coach Rob Baxter.  Ma la vera impresa di giornata è quella compiuta dai Newcasle Falcons (in campo Petere Stringer con la maglia numero 9)  che si sono imposti (22-13) su Sale. Dal piede dell’apertura Jimmy Gopperth 17 punti, cui si è sommata la meta firmata dalla seconda linea Tim Swinson. Sale, protagonista di una partenza lanciata (tre mete), è stato raggiunto al 53’ sul 19-19 e superato al 68’ dal piede fatato del 29enne neozelandese con la maglia numero 10.  Ultimi della classe ma a quota 23, ora i ragazzi di coach Alan Tait possono ragionevolmente puntare alla salvezza. Già decisiva per il loro destino potrebbe essere la sfida di domani all’Adams Park fra i London Wasps (27) e Gloucester. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo   PREMIERSHIP XIX GIORNATA   RISULTATI DELLE PARTITE DI SABATO   Leicester – Worcester 43-13 Newcastle – Sale 22 – 13 Exeter  - L. Irish 18 – 11 Saracens – Harlequins 19 - 24

PREMIERSHIP: WEMBLEY VICINO A SOLD OUT PER LA SUPER SFIDA DI SABATO. By Giorgio Sbrocco

Gira (e produce utili)  in Inghilterra la ruota del grande rugby di club. Da Londra l'annuncio che (a mercoledì) risultano disponibili solo poche centinjaia di biglietti per la super sfida di campionato in programma sabato a Wembley fra Saracens e Harlequins, che occupano rispettivamente il secondo (59 punti) e il primo posto (62) nella classifica generale del massimo campionato. La capienza ufficiale dell'impianto londinese è di 90.779 posti, e l'attuale record di affluenza per un match ovale fra squadre di club nel Regno Unito risale al 2009 quando, per la semifinale HC  fra Leinster e Munster al Croke Park di Dublino, accorsero 82.208 spettatori paganti. Raggiante il presidente dei Saracens Nigel Wray: "Ci aspetta un fantastico giorno di festa a Wembley" ha dichiarato. "Una occasione storica non solo per il nostro club ma per tutto il movimento rugbistico della Nazione". I pochi tagliandi ancora a disposizione si possono acquistare su www.saracensatwembley.com. Per un week end a Londra difficile da dimenticare Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo  

AVIVA PREMIERSHIP: VINCONO LE PRIME CINQUE. EXETER SOGNA I PLAY OFF. IN CODA CADE ANCORA NEWCASTLE. By Giorgio Sbrocco

Si vede del gran rugby in Premiership! Anche in una giornata – la numero 18 di regular season -  che, quanto a ricadute degne di nota sulla classifica non ne ha prodotte in gran quantità. Cominciando dalla testa: bella la prova degli Harlequins capi classifica che, con grande dispendio di energie e senza mai rinunciare al loro “expansive” piano di gioco, hanno avuto la meglio su Bath, negando agli avversari anche il punto di bonus difensivo. Saracens secondi in classifica a tre lunghezze dalla vetta dopo la super vittoria di Manchester in casa del Sale. Colpo in trasferta anche per le Tigri di Leicester terze in classifica che violano la casa dei London Irish nel posticipo domenicale, al termine di una delle migliori partite della stagione. Successo casalingo secondo pronostico per i Santi di Northampton opposti alle Vespe della capitale penultime della classe e di Worcester che non fa sconti al fanalino di coda Newcastle. Spicca, infine, la vittoria di Exeter in trasferta sul campo di Gloucester. I Chiefs occupano attualmente la quinta piazza della graduatoria generale, a tre lunghezze dalla zona play off. Potrebbero essere loro, a quattro giornate dalla fine delle ostilità, la (sola?) sorpresa della stagione. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo AVIVA PREMIERSHIP Risultati della XVIII giornata Sale – Saracens 9-45 Worcester – Newcastle 19-9 Harlequins – Bath 14-6 Northampton – London Wasps 32 – 15 L. Irish – Leicester 32-41 Gloucester – Exeter 27-28 Classifica: Harlequins 62. Saracens 59, Leicester 55, Northampton 52, Exeter 49,Gloucester 42, Sale 40, Bath 39, L.Irish 36, Worcester 35, Wasps 27, Newcastle 19  

Saracens in cerca di gloria a Manchester, Newcastle in cerca di miracoli a Worcester. Harlequins favoriti su Bath e Leicester facile in casa con gli Exiles. Rischiano le vespe a Norhampton. By Giorgio Sbrocco

Si apre con i due anticipi serali del venerdì il 18esimo turno di Aviva Premiership, il primo dopo la conclusione del Sei Nazioni e il quintultimo di una regular season che promette fuochi d’artificio nella parte alta della graduatoria e possibili (clamorose) sorprese sul fondo. Tutta da vedere, all’ Edgeley Park di Manchester la sfida fra Sale (40) e i Saracens (54) secondo in classifica. Sharks praticamente imbattibili in casa dove, dall’inizio della stagione, hanno perso una sola volta, in novembre con Exeter. Londinesi in serie positiva (2/3) nelle ultime uscite e, soprattutto 2 volte vittoriosi nelle ultime tre trasferte. In campo ci sarà Charlie Hodgson con la maglia numero 10 del XV della capitale. In settimana il Sale ha ufficializzato la firma di un triennale da parte di Danny Cipriani reduce dall’esperienza australiana con la franchigia dei Melbourne Rebels e, secondo Steve Diamone (Ceo del club di Manchester) “destinato a conquistare la maglia che fu di Wilkinson in Nazionale”. Pronostico complicato, leggermente favoriti i Sarries. Alla stessa ora (20.45), ma al Sixways di Worcester, saranno di scena i Warriors padroni di casa (31) e in Newcastle (19), ultimo in classifica che ha recentemente ingaggiato l’irlandese Peter Stringer per provare a risalire una china che si sta facendo sempre più difficile da scalare. “Ci serve a tutti i costi una vittoria” ha ammesso alla vigilia Jeremy Manning. La nostra corsa è un inseguimento ai London Wasps che sono 8 punti sopra di noi ma che hanno un calendario per niente facile”. Il buon senso (Worcester non perde in casa dal 27 dicembre) e l’oggettiva consistenza delle due squadre dicono che vinceranno i Warriors di Richard Hill. Sabato al Twickenham Stoop, casa degli Harlequins primi in classifica (58) è di scena il Bath (39) di Sir Ian McGeechan che, su quel campo, non vince dal 2006 ma che è in serie positiva (3/4) ha vinto in occasione delle ultime due trasferte. Alla capolista, che si è imposta all’andata 26-13, non riesce però la doppia stagionale dal 2009. Pronostico aperto, soprattutto perché solo vincendo Bath potrebbe continuare a sperare nell’aggancio al convoglio dei paly off. Al Kingsholm, battaglia annunciata fra i Chiefs di Rob Baxter (45) e i padroni di casa del Glolucester (41) che si è sempre imposto nelle ultime sei uscite fra le mura amiche. Exeter vanta però un esaltante 6/7 in trasferta, anche se ha battuto il XCV di capitan Luke Narraway una sola votla (nel 2010). Il Northampton (47), quarto in classifica e reduce dalla finale di LV Cup persa con Leicester, riceve al Franklin's Gardens i pericolanti London Wasps (27)  che non vincono sul campo dei Saints dal novembre 2005 e il cui ultimo successo (32-11 a Rovigo in Amlin cup) risale al gennaio dello scorso anno. Solo un miracolo o una prestazione dei Saints (molto) al di sotto dei propri standard potrebbero mettere in discussione un pronostico che è tutto a favore della formazione di Jim Mallinder. Il match della domenica è programmato  al Madejski Stadium di Londra fra London Irish (36) e le Tigri di Leicester (50). Bilancio degli scontri diretti tutto per il XV di coach Richard Cockerill, che in campionato ha perso una sola votla (Exeter) nelle ultime 11 giornate. Gli Exiles, per contro, hanno battuto l’ultima volta le Tigri nel 2009 e possono vantare un solo successo nelle ultime sette uscite ufficiali.  Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.   AVIVA PREMIERSHIP XVIII giornata Venerdì 23: Sale Sharks  -  Saracens Warriors  -  Newcastle Falcons Sabato 24: Harlequins - Bath Gloucester Rugby  -  Exeter Chiefs Northampton Saints  -  London Wasps Domencia 25: London Irish  -  Leicester Tigers Classifica: Harlequins 58, Saracens 54, Leicester 50,orthampton 47, Exeter 45, Gloucester 41, Sale 40, Bath 39, London Ir. 36, Worcester 31, London W. 27, Newcastle 

Rugby Ball