24
agosto


Aviva Premiership – Capitan Hamilton non ha dubbi: “Gloucester ha cambiato mentalità. Possiamo battere chiunque”. By Giorgio Sbrocco

Facce nuove e tanta voglia di far bene, dopo un’annata (nono posto ala fine della regular season) non proprio esaltante, in casa di Gloucester. Il neo capitano Jim Hamilton (scozzese, 29 anni, chiamato a sostituire Luke Narraway emigrato a Perpignano in Top 14) non ha dubbi: “Il nuovo management contribuirà in maniera determinante al cambiamento di mentalità di cui la squadra ha bisogno. L’anno scorso abbiamo combattuto invano contro le nostre inadeguatezze e contro la mancanza di killer instinct. Ma con Nigel Davies in panchina le cose cambieranno”. Molto  dipenderà dal tipo di gioco: “Il nostro piano tattico è semplice – assicura Hamilton – e in squadra c’è un buon numero di ottimi giocatori. La linea arretrata è fantastica e in mischia c’è molta gente che si sa fare. Quando Gloucester comincerà a giocare…lo farà davvero bene!”. Ottimismo su tutta la linea, in attesa del difficile esordio casalingo in campionato sabato 1 settembre contro Northampton: “Possiamo battere chiunque. L’anno scorso siamo andati a vincere a Exeter ma poi abbiamo perso in casa con Newcastle. Non accadrà più, quello era il vecchio Gloucester, una squadra poco affidabile e inconsistente”. Morta per sempre, secondo il nuovo leader del gruppo. “Il nuovo Gloucester non perderà un colpo, affronterà ogni incontro con il massimo della concentrazione e così facendo costruirà la propria mentalità vincente”. Quanto alla posizione del veterano Mike Tindall, che rivestirà la duplice veste di giocatore e allenatore, Hamilton non ha dubbi: “Lo conosco bene, ci tiene a fare un’altra stagione in campo. Si è allenato molto in pre stagione. Per noi rappresenta qualcosa di molto importante”. Giorgio Sbrocco 

24
agosto


Pro 12 – Glasgow sconfitto di misura da Exeter. Hogg operato alla caviglia. By Giorgio Sbrocco

Amichevole molto combattuta e assai poco “sperimentale” quella che ha opposto Glasgow (Pro 12) e Exeter (Premiership), entrambe alla loro ultima uscita pre campionato prima dell’inizio dell’attività ufficiale sul campo di Millbrae. Ha prevalso la formazione inglese grazie alle mete di Whitehead e Hanks (una trasformata) cui si è aggiunto un piazzato realizzato da Steenson. Per gli scozzesi, che hanno chiuso in vantaggio il primo tempo (3-0), solo due centri di Weir dalla piazzola. Per il XV scozzese, comunque, pessime notizie arrivano dall’infermeria: il giovane e talentuoso estremo Stuart Hogg è stato sottoposto a intervento chirurgico per risolvere l’infortunio alla caviglia rimediato nel tour estivo in Australia e Sud Pacifico; un mese di stop per la seconda linea Tim Swinson, vittima di un trauma facciale contro Sale in amichevole; fermo anche il tallonatore Pat MacArthur per un problema al piede di cui si sta cercando di capire l’origine e di definire la prognosi. Glasgow Warriors – Exeter Chiefs 6 – 15 (pt 3-0)Glasgow: F Thomson (P Murchie 57); T Seymour, B McGuigan (G Morrison h/t), P Horne, DTH van der Merwe; D Weir (S White 65), H Pyrgos (S Kennedy 65); G Reid (G Hunter 66), F Gillies (capt), M Law (M Cusack 57); T Ryder (A McDonald 48), N Campbell; A Ashe (J Eddie 52), J Barclay (C Fusaro 57), R Wilson.Exeter: P Dollman; J Tatupu, I Whitten (L Arscott 57), J Shoemark, M Jess; I Mieres (G Steenson 62), K Barrett (W Chudley h/t); B Sturgess (C Rimmer 65), C Whitehead (S Alcott 74), H Tui; T Hayes (capt, D Welch 71), A Muldowney (J Hanks 62); T Johnson (J Phillips 62), J Scaysbrook, R Baxter (B White 74).Giorgio Sbrocco

21
agosto


Aviva Premiership – Danny Care: altri tre anni con i Quins. By Giorgio Sbrocco

Il 25enne mediano di mischia Danny Care ha prolungato il contratto che lo lega agli Harlequins campioni d'Inghilterra in carica fino alla stagione 2015/2016. Care, con i Quins (116 cap) dal 2006, ha al suo attivo 157 punti segnati (28 mete) e 33 presenze nella Nazionale inglese con cui ha giocato anche la Serie di giugno in Sud Africa (man of the match del terzo test).  Conor O'Shea, Director of rugby del club londinese ha dichiarato: “Il prolungamento del contratto firmato da Danny è la notizia che tutti aspettavamo. Non vedo l'ora di seguirlo nei suoi miglioramenti dentro e fuori dal campo di gioco nella stagione che sta per cominciare. Diventerà un grande giocatore. Possiede tutti i mezzi per riuscirci”. “Non c'è altra squadra nella quale avrei voluto continuare a giocare” sono state le prime parole del giocatore dopo la firma. “Sarà bellissimo continuare a far parte di una squadra ricca di talento che gioca un rugby spettacolare ed efficace. Giochiamo per vincere, il rugby professionistico è questo. Il profumo della vittoria è una sensazione fantastica. Vogliamo continuare a vincere. Per questo ho deciso di restare qui altri tre anni!”.Giorgio Sbrocco

21
agosto


Avvia Premiership – Un pilone figiano per i London Irish di Brian Smith. By Giorgio Sbrocco

È il pilone figiano Jerry Yanuyanutawa  l'ultimo acquisto dei London Irish in vista dell'avvio della stagione regolare di Premiership. Giocatore di buona esperienza internazionale (27 anni, debutto in Pacific Nations Cup contro Samoa) proveniente dalla franchigia australiana dei ACT Brumbies (Canberra),  Yanuyanutawa (1,82 per 114 kg) ha vestito anche la maglia dell'under 21 di Fiji e ha iniziato la carriera in terza linea. Fu il tecnico inglese  Trevor Woodman, ai tempi della sua collaborazione con la squadra della Sydney University a convincerlo a cambiare ruolo. “Jerry è un ottimo giocatore di fase statica e un portatore di palla molto efficace” ha dichiarato il capo allenatore degli Exiles  Brian Smith. Il suo apporto sarà molto prezioso nel corso di una stagione che si annuncia lunga e molto faticosa”. Entusiasta dell'avventura londinese il diretto interessato: “Non vedo l'ora di cominciare a lavorare con la mia nuova squadra” ha dichiarato. “Sono impaziente di mettermi in competizione con gli altri piloni per conquistare un posto da titolare. Mi eccita poter giocare in un campionato di così alto livello tecnico”.Giorgio Sbrocco

Aviva Premiership – Mete e spettacolo fra Bath e London Welsh al Recreation Ground. Decisivi i calci dell’apertura Heathcote. By Giorgio Sbrocco

Rugby spumeggiante, punteggio elevato (40-31, pt 21-10), alto anche il totale delle mete segnate (8) e di tutto rispetto il numero degli appassionati (paganti 4954) che sabato sono accorsi al Recreation Ground di Bath per l’amichevole contro i neopromossi London Welsh. Gli Exiles londinesi, alla loro prima uscita ufficiale in pre stagione, non hanno certo sfigurato e secondo coach Lyn Jones:  “Il match, risultato finale a parte, ha messo in evidenza un buon numero di aspetti positivi”. Molto comunque resta da fare, soprattutto per quanto riguarda i meccanismi dell’organizzazione difensiva,  in vista del debutto stagionale al Kassam stadium contro i vice campioni d’Inghilterra di Leicester in calendario il 2 settembre. Per Bah hanno segnato mete: Eastmond, Wilson, Claassens e Fearns. Di: Georges, Holmes, Ion e Smith le marcature degli ospiti. Il calciatore Heathcote di Bath (uscito per un infortunio al ginocchio che è risultato più grave del previsto) ha mandato fra i pali 3 calci di punizione, uno solo il suo diretto avversario Ross.Giorgio Sbrocco  

Top 14 – Vincono: Tolosa, Tolone, Castres, Grenoble e Bordeaux. Mirco Bergamasco in meta con il Racing. By Giorgio Sbrocco

Sei i match amichevioli giocati in serata che hanno visto fronteggiarsi formazioni di Top 14, ProD2, Pro 12 e Premiership. Facile Tolone su Mont de Marsan. Tolosa piega il Racing (in meta con Mirco Bergamasco) grazie alle cinque marcature di Matanavou, Huget (2), Clerc e Poitrenaud. Bayonne cede di misura all’Ulster, decisiva la meta al 78’ di Michael Mc Comb per i nordirlandesi. Castres (dell’ala Andrea due delle quattro mete segnate) supera largamente gli Harlequins campioni d’Inghilterra. Grenoble fatica più del previsto a piegare la resistenza di Lione (in meta con Chabal) e Bordeaux (marcatura decisiva di Avesini Va Suinubu sulla sirena) batte Brive di misura nelle amichevoli del giovedì serva in Francia. Risultati delle amichevoli di oggiTolone – Mont de Marsan 45-8Tolosa – Racing Parigi 27 – 21Bayonne – Ulster 15 – 20Castres – Harlequins 31 – 15Grenoble – Lione 21 – 12Brive – Bordeaux 23 - 30 Giorgio Sbrocco                                        

Four Nations - Eben Etzebeth in via di guarigione. Bakkies Botha può restare a Tolone. By Giorgio Sbrocco

 Pericolo scampato, pare, per il Sud Africa, Tolone, Bernard Laporte e il vulcanico presidente Mourad Boudjellal che, c'è da giurarci, non avrebbe accolto con il sorriso sulle labbra la chiamata del suo veterano. La seconda linea Bakkies Botha non dovrà rispondere alla convocazione degli Springboks in occasione dei due match con l'Argentina (18 e 25 agosto) che apriranno la prima storica edizione del Four Nations australe allargato ai Pumas. Così ha comunicato lo staff medico della nazionale sudafricana dopo aver sottoposto ad approfondita indagine diagnostica il giovane Eben Etzebeth (Stormers, inserito nel Best XV del Super Rugby redatto da Planetrugby) infortunato all'anca e, secondo i sanitari, in via di sicura guarigione. Confermata, invece, l'indisponibilità dell'ala (e all'occorrenza estremo e centro) Pietersen, che ha riportato la frattura di un dito della mano nel corso della finale Chiefs-Sharks di Hamilton.Giorgio Sbrocco

Aviva Premiership – Richard Thorpe torna con le Tigri per puntare ai quarti di HC. By Giorgio Sbrocco

Ancora  movimenti di mercato di un certo interesse nella Premiership inglese a due settimane dall'inizio della stagione regolare: la terza linea  Richard Thorpe (27 anni) l'anno scorso ai Londo Irish, è passato ai Leicester Tigers in chiara prospettiva Heineken cup. La formazione del pilone azzurro Martin Castrogiovanni si troverà a dover disputare la fase di qualificazione nello stesso girone di Tolosa. In previsione di un equilibrio che potrebbe generare qualche risultato a sorpresa, è infatti opinione diffusa che arrivare secondi potrebbe non bastare. L'arrivo di Thorpe (ex Saracens, che può giocare flanker o numero 8) si aggiunge a quelli di un'altra terza linea, Brett Deacon (30 anni, fratello dell'internazionale Luis) tornato al club di origine dopo una permanenza di due anni a Gloucester e del mediano di mischia australiano Patrick Phibbs (31, ex Brumbies e Exeter).Giorgio Sbrocco

01
agosto


Premiership – Venerdì a Bath la serata finale delle JP Morgan Series di Seven. By Giorgio Sbrocco

C’è grande attesa (si prevede di battere il record stagionale di 8496 paganti)per la finale 2012 delle JP Morgan Series di rugby Seven, l’annuale appuntamento con versione a 7 del gioco cui prendono parte i 12 club di Premiership. La serata conclusiva è in programma venerdì sera al Recreation Ground di Bath. Le sei formazioni ammesse, che hanno conquistato l’accesso alla serata finale classificandosi prime e seconde nelle tre tappe della manifestazione disputate in luglio a Londra,  Manchester e Gloucester, sono state divise in due gironi da tre squadre ciascuno che, sulla base dei risultati degli scontri diretti, definiranno il tabellone delle finali. Fra le favorite nei pronostici: London Welsh, London Irish e Saracens. Questo il programma della fase di qualificazione Pool ASaracensSale SharksGloucester Rugby Pool BLondon IrishLondon WelshBath Rugby Programma fase a gironi 20.00  Saracens v Sale Sharks20.25 London Irish v London Welsh20.50  Sale Sharks v Gloucester Rugby21.15 London Welsh v Bath Rugby21.40 Saracens v Gloucester Rugby22.05 London Irish v Bath Rugby22.40 Finali Formazioni annunciate London Irish    1.Alex Gray; 2. Joe Ansbro3. Jonathan Joseph4. Tom Homer;5. Topsy Ojo6. Marland Yarde7. Gerard Ellis8. Darren Allinson9. Jamie Gibson10. Jack Moates11. Conor Gaston12. Shaun Malton Saracens  1 Jono Ross2 Jackson Wray3 Duncan Taylor4 Joel Tomkins5 Adam Powell6 Nils Mordt ©7 Chris Wyles8 James Short9 Ben Spencer10 Nathan Earle11 Nick Tompkins12 Sam Edgerley Sale Sharks 1. Will Bordill2. Tom Cruse3. James Doyle4. Will Hafu5. Josh Beaumont6. Mark Jennings7. Jordan Davies8. Jack Walsh9. Tom Brady10. Charlie Amesbury11. Johnny Leota (capt)12. Will Addison Gloucester1. Matt Cox2. Huia Edmonds3. Shane Monahan4. Gareth Evans5. Rob Langley6. Alex Woodburn7. Dan Robson8. Henry Trinder9. Ross Moriarty10. Dave Lewis11. Jonny May (c)12. Ian Clark London Welsh 1. Elliott Brierley2. Hamish Smales3. Tom Rees4. Lolo Evans5. Steve Hamilton6. Peceli Nacamavuto7. Ben Frankland8. Ryan De La Harpe9. Ed Tellwright10. Chris Banfield11. Ashley Smith12. Steve Wood   

22
luglio


Aviva Premiership – Coach Gustrad (Saracens): “Per Joel Tomkins sarà l’anno della consacrazione”. La stella del XIII in Nazionale? By Giorgio Sbrocco

“L’abbiamo messo sotto contratto a metà della scorsa stagione e non gli abbiamo messo pressione addosso proprio perché abbiamo voluto che si prendesse i giusti tempi per capire il gioco e per entrare nella logica del XV”. Così, in una dichiarazione a Rugby Paper, l’allenatore dei Saracens Paul Gustrad sulla stagione che attende il giovane Joel Tomkins, stella nascente del XIII, recentemente prelevato dal Wigan e portato in Premiership. “Da lui ci aspettiamo grandi cose nel ruolo di centro. È molto amico di Chris Ashton e sono convinto che punti a fare una grande stagione”. Non solo per il club londinese: “Lui è una scommessa che volgiamo vincere anche nella prospettiva di un suo impiego in Nazionale. Con i mezzi fisici che si ritrova (1.92 per 98 kg) e le abilità tecniche nell’uno contro uno e nell’offload, ha tutto per diventare un secondo centro di livello internazionale”. “Lo so – ha concluso coach Gustard – l’Inghilterra ha già Manu Tuilagi, ma si tratta di una “bestia” molto diversa. Resto convinto che Joel possa fare del gran bene all’Inghilterra”. Giorgio Sbrocco

Rugby Ball