07
marzo


6 Nations Championship 2013

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4 The last round of the Championship turned out as predicted and a stuffy away win in Italy gave Wales a boost- not only did they win but a number of injured players returned while other such as Mike Philips found their form and performed exceptionally well in Rome against Italy, a side lacking some leadership and direction on the pitch. This hard earned away win sets Wales up for a challenging encounter in Edinburgh this weekend. The Scotland – Ireland match was a crucial event for both teams. Scotland needed to win to convince the world that they were back on track and Ireland, stung by criticisms of their performance against England, needed to demonstrate that they had not suddenly become a passive and aging team. The atmosphere at Murrayfield was intense and the match statistics would suggest that Ireland should have won by a country mile! The fact that Scotland tackled until the Irish threat disappeared back to Dublin and then kicked 4 penalties out of four demonstrates that there are both many ways to win and lose international matches! Scottish heroes included Geoff Cross, Jim Hamilton and Captain Kelly Brown, all of whom must have gone to bed on Saturday night still tackling green shirted runners! Ireland will have many better days and should have won this match but for an inability to change their game plan and tactics during the match, and a failure in making sensible captaincy decisions when the going was tough. They must now regret not taking the early match penalties rather than kicking for the corners and attempting the take on Scotland physically. Greg Laidlaw, the man of the moment for his cool tactical and goal kicking skills, was a reminder that you do not need to be massive to be influential.     England in the third match of the weekend changed their style of play again and took on France in mid field with what can only be considered a titanic battle between Bastareaud and Manu Tuilagi. This spectacle of fit, aggressive 17 ½ stone centres knocking lumps out of each other was not for the fainthearted! An outstanding score by Fofana for France and a reply by Tuilagi supported by accurate place kicking from Farrell and Flood saw England home safely, if not completely convincingly, against French side which is still underperforming. The competition is fierce this year and at the moment while England are the only side who can win the Grand Slam, Wales and Scotland could actually win the championship! Italy, France and Ireland having lost more than one match in the campaign are now in a damage limitation mode seeking some respectability in the last two matches. First up this weekend is Scotland and Wales. Traditionally this is marked by a huge exodus of Welsh supporters, arriving in Scotland and often staying Speyside, Aberdeenshire and Inverness. Whether attracted by the Whisky or the social life, these hardly supporters over the years did not attend Murrayfield but enjoyed Scottish hospitality! Those making it this year will see the match of the tournament. I predict a high scoring event where Wales will look to exploit their pace and finishing skills against a very tough tackling defensive formation, yet including players such as Hogg, Visser and Maitland who can turn any match. Home advantage, a patriotic crowd and a team full of self confidence and belief, will swing this match to Scotland. The second match this weekend is Ireland against France in Dublin. Still reacting form last weeks defeats, Ireland and France will need to recapture the style and ability which made them co-favourites to win this years Tournament. Both have under performed and with the Irish injuries in key positions, and France still not yet performing, it is difficult to predict this match. France have the greater depth of players, but have still to perform for 80 minutes in any match this year, yet have the ability to score tries out of nothing-a skill Ireland seem to have lost this season. France to win in a high scoring match.  England is the most accomplished team in the tournament, able to vary their style to suit the opposition and the conditions. Home advantage matches in important and their match against Italy with Sergio Parisse returning to stiffen the defensive and offensive structures will allow Italy to compete more effectively and will perhaps result in a closer match than initially predicted. England has made a few changes and might suffer from that, and Italy will be boosted by the sense of being the underdog. If they can learn from Scotland, be patient and tackle, and then take the few chances which are likely to result, we will be in for a closer match than many anticipate. Still, I go for a home win for England, in this, the third match of the weekend The 6 Nations Championship will not be decided until the last match, but this weekends results will rule out at least one of the 3 contenders. It promises to be exciting rugby and as a Scotsman, watching on TV with a group of friends in a Castle owned by a Whisky company in Scotland, I am confident of a great weekend irrespective of the outcome of any of the matches! So, if you cannot attend, do what we are doing and watch along with your friends and a bottle of your favourite dram!  R.F.Cunningham, former Scottish Rugby Internationalist, is HR Adviser to Glen Grant Distillery in Speyside.                st1\:*{behavior:url(#ieooui) } /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Table Normal"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:10.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-ansi-language:#0400; mso-fareast-language:#0400; mso-bidi-language:#0400;}

04
febbraio


3 Febbraio: San Biagio

La tradizione meneghina prevede che una fetta di panettone “raffermo” del Natale appena passato debba essere tenuto da parte e consumato il 3 Febbraio, giorno di San Biagio. Questo rituale dovrebbe proteggerci dal mal di gola per un periodo indefinito, ma almeno utile per terminare indenni da tosse e raucedini il resto dell’inverno. Questo weekend la sfida Italia – Francia del 6 Nazioni ha contribuito a questa leggenda. Da appassionato di rugby e tifoso dell’Italia ho incitato a gran voce le Ragazze di Di Giandomenico e Scaglia che sabato a Rovato hanno sconfitto al fotofinish le fortissime rivali d’oltralpe per 13 a 12. Sono state colpite e affondate dalla precisione di Veronica Schiavon che ha orchestrato e capitalizzato la lotta nel fango di una mischia che ha lottato per 80 minuti … più recupero. Il “ day after “, domenica 3, si è concluso con le magie dei suoi colleghi Orquera e Burton nella fredda domenica romana. Non ho ricordi nell’ultimo decennio di un numero 10 azzurro eletto “man of the match”, ma mai come in questa occasione il riconoscimento è stato ampiamente meritato. Le mete di Castro e Parisse sono già entrate nelle nostre memorie. Completano il gioco brillante e senza paura che il nostro XV non aveva mai espresso nel nuovo millennio. Due vittorie che ci hanno dato soddisfazione immensa e abbracci infiniti. Due feste : Rovato con uno stadio gremito e soli posti in piedi per l’impresa del Rugby Rosa; Olimpico da batticuore con attori protagonisti i nostri gladiatori dell’ovale. A proposito di star, ho assistito alla realizzazione della Storia seduto a fianco di interpreti teatrali e cinematografici: Pasotti, la Romanoff e Beppe Fiorello. Tutti quanti accompagnati dai loro bimbi; lo so che sembrerà incredibile, ma sulle tribune non è volata una parolaccia o un insulto prima, durante e dopo un match con tensione a mille! Il rugby ha dato l’ennesima lezione positiva di scuola di vita. Al triplice fischio nel delirio di gioia sono stato abbracciato da Ricky Tognazzi, figlio del grandissimo Ugo: icona lombarda e cuore milanista. Una stretta che accompagnata da un grido con quel fil di voce rimasta che il “Panetùn” rimetterà subito a posto e che mai come per questo bellissimo fine settimana è stato utile tenere da parte!   by Maurizio Vancini  

02
febbraio


Tags

6 Nations Championship 2013

This weekend sees the start of this year’s tournament, with last years winners Wales facing Ireland in a celtic battle at the Millennium Stadium, closely followed by England hosting Scotland in the Calcutta Cup at Twickenham. Sundays match promises to be a cracker in Rome with France, many people’s favourites to win the Championship, facing the home team on a high from last year. Add in the atmosphere of a packed Stadio Olympico and a home win cannot be ruled out.   A great start to the Championship is in store and while England on the basis of their autumn performance and that victory against the All Blacks, must be clear favourites if they can reproduce that performance. Stuart Lancaster, the Scot who is now coaching England, has a huge range of players to call upon, many of whom are playing excellent rugby week, in week out for the various Club teams across England and beyond. Scotland, on return from an unbeaten tour down under, including a win against Australia, needs to forget about their final match in the autumn against Tonga   just as much as England want to remember their All Blacks win!    The Calcutta Cup one of the oldest Rugby trophy in the world is a different match- form and trends tend every so often to be disregarded- for example who would have predicted England would beat Scotland last year at Murrayfield with a new coach and a completely new team! I look back at a few coincides in predicting Scotland surprisingly to beat England and kick off this season in style.   My basis of that prediction – the last time a Laidlaw and a Beattie played together for Scotland at scrum half and no.8, was in 1983, the year Scotland, lead by my old Club Captain Jim Aitken, picked up the silverware at Twickenham. The other coincides is that year, and similarly this year, Scotland were clearly underdogs and written off by every expert in the rugby world! One characteristic of us Scots is that we are a proud Nation, and probably perform best when written off-so that s the basis of my prediction!     Preceding the Calcutta Cup match is the Wales v Ireland match and that will be a cracker and with so many of these matches, probably a high scoring event. Wales will, on the basis of last year performances be expected to win but form and injuries have taken the edge of their team, so I am predicting an Irish win in Cardiff, with new captain Heaslip adding to his credentials as a probable British Lions  captain in Australia this summer.   The cold winter’s afternoon in Europe will be brightened over the next 8 weeks or so with a close and highly competitive Championship, played in a great spirit and with full commitment.    Not attending Twickenham this year I will have to seek some solace in a large Glen Grant 10 Year Old, in front of a roaring fire, giving loud advice to the TV and frightening the dogs, and our neighbours! So what’s new?   R.F.Cunningham, former Scottish Rugby Internationalist, is HR Adviser to Glen Grant Distillery in Speyside.

30
gennaio


Il partito del Rugby

Il Belpaese si sta avvicinando alle elezioni politiche. Dal 2008 in poi la crisi ha attanagliato lo Stivale e ha reso i tempi sempre più duri e difficili. Il dorato mondo dei tantissimi privilegiati si è intorbidito e macchiato di scandali, ma non ha reso scomode le poltrone. Nonostante le dichiarazioni d’intenti di non ricandidarsi, di dimettersi , di ringiovanire la classe politica, siamo costretti a rivedere le stesse facce. Tutte in grado solo di propinare promesse irrealizzabili. In questo contesto non è facile, ma è possibile collocare il mondo ovale. Il Rugby contrariamente alle tendenze nostrane non è in recessione, anzi,  è entrato di prepotenza ed in termini positivi nel cuore degli italiani. Perché la Nazionale è arrivata nelle case delle nostre famiglie e quando scende in campo gremisce gli stadi che il calcio sta lasciando deserti? Perché questa controtendenza alla crisi nonostante non si conoscano le regole, i giocatori, senza una stampa specializzata e che la snobba per 10 mesi all’anno? Ci sono più risposte, ma quello che noi troviamo di bello, impressionante ed introvabile altrove sono: l’impegno, la voglia di lottare, di sacrificarsi da parte di tutti. I valori sono quelli del nostro sito web : spirito di squadra, orgoglio, onestà e carattere … abbiamo detto poco? Non è retorica asserire che si è sempre guardato al mondo british come esempio di comportamento. E ora che il 6 Nazioni va ad incominciare, gli Azzurri si trovano in un ambito di quasi parità con tutte le altre rappresentative d’oltremanica. Si sono guadagnati la stima sul campo e dopo l’esordio di domenica coi cugini d’oltralpe, se la giocheranno ( Twickenham a parte ) fino al triplice fischio di ogni sfida. Personalmente sarò in servizio al Murrayfield di Edimburgo il 24 Febbraio quando si andrà al voto. Il Six Nations mi ha levato il pensiero delle urne e lasciato un ultimo interrogativo: Ma è mai possibile che nessuno “schieramento” s’ispiri al Rugby? Purtroppo no…   By Maurizio Vancini

Pro 12 – Il “trevigiano” Marius Mitrea giudice di linea venerdì a Swansea. Mai così in alto un fischietto italiano. E al Sei Nazioni: mai? By Giorgio Sbrocco

Successo senza precedenti per il CNAr.  Marius Mitrea, trentenne direttore di gara della sezione arbitri trevigiana, è stato designato come giudice di linea venerdì al Liberty stadium di Swansea (Galles) per la semifinale di Pro 12 fra Ospreys e i campioni in carica di Munster. Mitera fara parte dio una terna davvero stellare: arbitro sarà lirlandese Alain Rolland mentre l’altro giudice di linea sarà un altro fischietto di primo piano: il gallese Nigel Owens, fresco di designazione per la finale dell’Heineken Cup 2012. Mai, nella storia del rugby, un così alto onore era stato riservato a un direttore di gara italiano. Complimenti alla diplomazia CNAr e complimenti al presidente Gianpaolo Celon. Nell’attesa/speranza che, dopo 12 anni di Italia nel Sei Nazioni, la grande cupola arbitrale che tutto sa e tutto decide, conceda a un arbitro italiano l’onore di dirigere una delle partite del torneo. Sempre che non sia chiedere troppo e che la recente “incoronazione” di Giulio De Santis a miglior (titolo ufficioso) Tmo del pianeta ovale, non debba essere pagata con qualche altro decennio di attesa.Giorgio Sbrocco - Giornalista sportivo

14
marzo


Venerdì Consiglio Federale a Roma: Stadi per la Nazionale, Sei Nazioni 2013 e Diritti TV. By Giorgio Sbrocco

Sedi dei test match di novembre della Nazionale maggiore (si torna a San Siro per Italia-All Blacks?), decisioni (forse) clamorose circa il prossimo Sei Nazioni (dove si giocheranno le tre partite in casa in calendario? Lontano da Roma?) e una (attesissima?) delibera in tema di partecipazione italiana al Pro 12 (Aironi salvati e poi smobilitati d’autorità?) sono all’ordine del giorno della riunione plenaria del governo federale convocato (ore 10) venerdì presso la sede Fir dello stadio Olimpico sotto la presidenza di Giancarlo Dondi. Si parlerà anche di sponsor, di diritti televisivi (la Nazionale passerà in chiaro?) e probabilmente anche di futuro delle squadre italiane di Eccellenza nelle coppe europee (Amlin). Ma soprattutto, magari nei corridoi o nelle pause dei lavori, di Italia – Scozia del giorno dopo. Il tutto nel nome di un Cucchiaio che tutti vorrebbero/vorremmo evitare. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

RBS Player of The Championship: c'è anche Sergio Parisse fra i nominati. Dalle urne online il successore di Andrea Masi. Si vota fino a sabato a mezzanotte. By Giorgio Sbrocco

Ci sono quattro gallesi - Sam Warburton, Dan Lydiate, Alex Cuthbert, Mike Philips nei 12 giocatori in corsa per il titolo di miglior giocatore del Sei Nazioni 2012. Titolo attualmente in possesso dell’azzurro Andrea Masi. Tre sono francesi - Julien Malzieu, Yoann Maestri, Imanol Harinordoquy – due scozzesi - David Denton, Ross Renne – due irlandesi - Jonathan Sexton, Donnacha Ryan. Nella lista dei nominati anche il capitano dell’Italia Sergio Parisse. Spicca l’assenza di giocatori inglesi. Alla definizione del nome del vincitore contribuiranno i tifosi e gli appassionati esprimendo la propria opinione in merito sul sito www.rbs6nations.com. Le operazioni di voto si chiuderanno alla mezzanotte di sabato 18 marzo. La proclamazione del vincitore è prevista mercoledì 21 marzo. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

Italia vs Scozia: sarà un bel souvenir? By Maurizio Vancini

Nella memoria degli uomini ci sono date “indimenticabili” come la scoperta dell’America o lo sbarco sulla Luna. In quella dei Rugbysti Italiani la Storia venne fatta il 5 Febbraio 2000. La PRIMA con vittoria al Flaminio del neonato Torneo delle 6 Nazioni. Ognuno di noi si ricorda dove e con chi fosse quel pomeriggio in cui Diego Dominguez con i suoi drop e Ciccio De Carli con la sua meta finale suggellarono la miglior gara di sempre della Nazionale Azzurra. Italia – Scozia è il match che preferisco. Congiunge i miei due mondi quello del lavoro: 30 anni tra Aperitivi e Whisky, con quello dei miei ventennali momenti rugbystici internazionali. Ero in tribuna a Murrayfield da spettatore nel 2001 a gioire sugli spalti per la meta realizzata da un giovanissimo Mirco Bergamasco; in quello stesso Stadio di Edimburgo espugnato nell’unica vittoria ottenuta finora in trasferta nel Six Nations, firmata Scanavacca & C. nel 2007!Che bella sensazione vedermi qui nella foto a centrocampo in pantaloncini corti in qualità di 4° uomo nella gara del 2008 a Roma. E che Match Officials Team d’eccezione: Nigel Owens, Chris White e Simon McDowell. L’erba tremava sotto ai piedi durante l’esecuzione di Fratelli d’Italia, brividi veri proseguiti al drop di Marcato, che all’ultimo minuto decise il match a nostro favore.Nel 2010, passando dal campo alla tribuna eccomi nel ruolo di Citing Commissioner internazionale, guarda caso in Scozia per la Gara del Centenario contro i Francesi; poi Tifoso alla vittoria in un Flaminio stracolmo sugli Highlanders. Il destino e la professione mi vogliono nei prossimi giorni nella Distilleria Glen Grant, ma già col biglietto in mano per Sabato all’Olimpico dove certamente Tutti Noi vivremo un altro pomeriggio di Rugby “indimenticabile”!  Maurizio Vancini, ex-arbitro internazionale.

6 NAZIONI – A Cardiff vince il Galles e sogna il grande Slam. Italia coraggiosa e disposta al sacrificio. Ma per competere servono altre qualità e competenze. Che al momento non ci sono. By Giorgio Sbrocco

Quarta sconfitta targata Sei Nazioni (quella più pronosticata e attesa) per l’Italia di Jaques Brunel e Sergio Parisse al Millenium stadium contro gli imbattuti Dragoni di mister Gatland.  Al termine di una partita che secondo il tabellone segnapunti è risultata in equilibrio fino al minuto 50 e si è conclusa con uno score (24-3) tutto sommato più che dignitoso. A caratterizzare il match è stato però il divario oggettivamente enorme fra la qualità e il volume del gioco espresso dai lanciatissimi padroni di casa e la fiera, rigorosa, mai improvvisata, a tratti commovente, molto spesso efficace, resistenza che Favaro (migliore in campo insieme a Zanni nella difficile e dispendiosa arte del placcaggio-recupero) e gli altri ragazzi in azzurro hanno opposto a un dominio tecnico e territoriale che, non di rado, ha assunto i connotati inquietanti dell’assedio. Fotografia fedele anche se impietosa di un confronto oggettivamente impari, che solo l’ottima distribuzione degli uomini sullo spazio (materia di cui Brunel è riconosciuto depositario e luminare a livello mondiale), unita a un comportamento impeccabile nella zona di impatto e (inutile negarlo) a una, magari inconscia, ma palese e giustificata volontà dei gallesi di “risparmiare qualcosina” in vista del match della vita di sabato con la Francia che potrebbe regalare loro il tanto atteso Grande Slam, hanno saputo mantenere sui binari numerici della competizione “alla pari o quasi” senza scadere in passivi umilianti sul modello delle “tariffe” degli anni ’70. Sul piano generale della valutazione della qualità del rugby che questa Nazionale è, oggi, in grado di esprimere, rimane il punto fermo di una squadra che, palla in mano, sa fare poco o niente (di efficace), che non è attrezzata tatticamente per giocare al piede e che, sul piano delle individualità, presenta alcune scoperture di ruolo che male si conciliano con le  esigenze del rugby di alto livello. Il bilancio delle fasi statiche (lanci di D’Apice a parte) è risultato complessivamente accettabile e la costruzione del drive da rimessa laterale pare essere tornato nelle competenze del pacchetto. È chiaro che, ma non si tratta purtroppo di una novità, ritenere di poter competere con solo queste “armi” a disposizione è quantomeno velleitario. Senza contare che, continuando a scendere in campo con la prospettiva di imboccare la strada obbligata del “placcaraplaccareplaccare” (e basta) il calo/crollo verticale di rendimento nell’ultimo quarto di gara, più che un’ipotesi, diventa una granitica certezza. Alla vigilia dell’ultimo (decisivo) appuntamento romano contro la Scozia (che a Dublino, risultato finale a parte, ha giocato e tanto) che metterà in palio (a ciapanò) il nefando Cucchiaio del disonore, non resta che tenersi ben stretta quella quota di ottimismo che deriva dalla certezza che questa Nazionale, per quanto poco attrezzata alle voci talento e competenze tecniche, ha un cuore davvero grande e coraggio da vendere. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo.

09
marzo


Sei Nazioni Femminile: l’ITALRUGBY ROSA al Millennium per vincere. By Giorgio Sbrocco

C’è un’Italia al Sei Nazioni che, a pochi giorni dalla festa dell’8 marzo, scende in campo domani al Millenium stadium di Cardiff (calcio d’invio alle 18, dopo i maschi di Jaques Brunel) con la ferma intenzione e con le carte in regola per vincere. È la Nazionale femminile di rugby dei tecnici Di Giandomenico e Porrino che, sul verde del mitico impianto della capitale gallese, tenterà di ripetere le imprese di Bridgent (2010) e di La Spezia (2011). Consapevoli delle difficoltà ma confidenti nella forza e nell’affidabilità della squadra, la capitana Paola Zangirolami e la sua vice, la monzese Silvia Gaudino. Il forte numero 8 otto lombardo, non nasconde l’emozione per il debutto in uno dei templi del rugby internazionale: “E’ uno stadio immenso, un impianto avvenieristico, da sogno!” racconta. “Certamente diverso da quelli in cui siamo abituate a giocare in Italia. Per noi sarà una giornata indimenticabile in ogni senso”. Poi lascia da parte le emozioni e torna a parlare da agonista: “Siamo qui per fare risultato. Le nostre avversarie ci conoscono e ci temono. Hanno lavorato duramente e il loro obiettivo è vendicare le ultime due sconfitte nel Torneo. Noi non ci faremo intimidire. Siamo in crescita e giocheremo per portare a casa la partita. Non lasceremo nulla di intentato. Vogliamo vincere!”. Giorgio Sbrocco, giornalista sportivo. Italia: Furlan, Castellarin, Sillari, Zangirolami, Veronese, Schiavon, Barattin, Gaudino, Campanella, Este, Molic, Severin, Gai, Zanon, Cucchiella. In panchina: Ballarin, Bettoni, Trevisan, Pettinelli, Nespoli, Chindamo, Stefan

Rugby Ball